Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Sport

Putiferio post Cagliari-Roma: Di Francesco in bilico, Pallotta furioso, tifosi avvelenati

Le parole dell'allenatore giallorosso e quelle del presidente tra commenti e striscioni inequivocabili

"Cagliari è l'opportunità di dimostrare di aver fatto un salto mentale importante", affermava fiducioso Eusebio Di Francesco alla conferenza stampa pre-partita.

Com'è noto, nel corso e alla fine della gara tra Cagliari e Roma, disputata ieri alle 18:00, non solo il salto mentale non c'è stato, ma è arrivato un pareggio per 2-2 "subito" in rimonta contro una squadra molto più che tenace, ma in 9 uomini e al minuto 95. Scrivere di una partita nervosa nei minuti finali è un eufemismo, ma una grande squadra deve saper gestire soprattutto tali momenti. E così mentre Sau (che non segnava dal 4 febbraio scorso) spediva la palla alle spalle di Olsen, l'ennesimo putiferio giallorosso già faceva capolino tra le tastiere battenti dei tifosi, i commenti avvelenati dei protagonisti, le lacrime di Florenzi, l'incredulità di altri.

Dopo la partita, fuori al "Fulvio Bernardini" di Trigoria, è stato esposto uno striscione con un messaggio di protesta inequivocabile contro la squadra: "Idea regalo: le palle". La firma:"Asr".

Pallotta: "Una disgrazia, un disonore, una squadra matta"

Il presidente James Pallotta, direttamente dagli States, la tocca piano: "Una disgrazia, un disonore". Dal Corriere dello Sport filtrano ulteriori dettagli circa le esternazioni made in U.S.A.: "È stato uno scherzo! Siamo seri, il finale di questa partita è stato un disonore per la Roma. Questo mi sembra davvero uno scherzo, una barzelletta. Questa Roma è una squadra matta, è chiaro che il risultato di Cagliari è una disgrazia per noi".

Paroline che non lasciano presagire nulla di buono. Al momento tutto e tutti sono in discussione, dal ds Monchi all'allenatore ai giocatori, ma secondo le prime indiscrezioni si potrebbe concedere altra fiducia.

Di Francesco: "Una partita assurda, sono veramente arrabbiato"

Hanno criticato la sua risata nervosa a fine partita, la sua formazione inziiale, i suoi cambi a gara in corso. Di Francesco, come riporta Sos Fanta, ha risposto così: “Siamo stati poco lucidi e sono mancati dei riferimenti, sapevamo che erano bravi sui calci piazzati, ma abbiamo preso gol da angolo. Volevo modificare la partita, ma le scelte erano poche: Pastore e Perotti vengono da un lungo periodo di stop e non sono in grado di sostenere 90′; Daniele (De Rossi, ndr) manca da 40 giorni. Dal 70′ in poi siamo stati troppo fragili, non siamo stati capaci di leggere determinate situazioni. Ho messo Luca Pellegrini perché non avevo tanti giocatori, Santon non si è allenato benissimo. Noi cerchiamo sempre i fantasmi e le streghe, ma ora è relativo parlare di tattiche, quando una squadra come loro stava spingendo, dovevamo proteggere il risultato, noi abbiamo dimostrato deficit mentali importanti. La prossima volta, se avrò più scelte, farò altri cambi. Delle volte l’allenatore risulta relativo durante la gara, ma io mi prendo le mie responsabilità, sono veramente amareggiato, è una partita assurda. Le cose vanno analizzate a 360°: abbiamo avuto dei problemi a livello caratteriale e dopo il gol subìto non siamo riusciti ad addormentare la partita".

E ancora: “Come si giustificano i ragazzi? Non ci sono parole e bisogna stare solo zitti. I ragazzi devono essere i primi a capire che non si può non vincere una partita del genere, anche con un po’ di malizia nel finale. Un insieme di cose che fanno parte del calcio. Io cerco di essere lucido ma sono veramente arrabbiato, non mi aspettavo un finale del genere. Una palla del genere a 30 secondi deve essere aperta esternamente, che urli e chiami. Era pure diventato un far west, non si capiva più niente, c’era casino”.

I tifosi: "Abbiamo toccato il fondo, via tutti"

Via tutti, via tutti. Dal presidente Pallotta a Monchi, da Di Francesco ad alcuni giocatori. I tifosi "chiedono la testa" di coloro che ritengono colpevoli, ma a dover prendere tutti sul serio, non resterebbe quasi più nessuno. O forse solo Totti. Di seguito qualche "cinguettio" a caldo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Putiferio post Cagliari-Roma: Di Francesco in bilico, Pallotta furioso, tifosi avvelenati

RomaToday è in caricamento