Mercoledì, 4 Agosto 2021
Sport

Anno nuovo, vecchia Virtus: Caserta domina gli uomini di Boniciolli

I romani affondano a Caserta 68 a 60 e oltre a compromettere la rincorsa alle Final Eight, fanno riaffiorare tutti i mille dubbi sulla propria consistenza tecnica

Il 2011 si apre in modo negativo per la Virtus. I romani infatti affondano a Caserta e oltre a compromettere la rincorsa alle Final Eight, lasciano di nuovo spazio a mille interrogativi tecnici e societari.

I capitolini hanno nuovamente estratto dal cilindro una prestazione abulica e priva di mordente, la Pepsi ha fatto davvero poco per vincere l'incontro, ma alla sirena è riuscita a capitalizzare al meglio il vantaggio del fattore campo. La Lottomatica cancella la striscia di vittorie consecutive (bloccata a quota 3) che in qualche modo l'aveva rilanciata in campionato nelle ultime settimane. C'è molta attesa per l'esordio del neo acquisto Nemanja Gordic, destinato a dare nuova linfa allo sgangherato reparto esterni vitussino.

Caserta vuole battere  Roma per rilanciarsi e la bella partenza del tandem Di Bella - Ere, frutta l’8-5 dopo qualche minuto di gioco, la Lottomatica ha un pessimo approccio alla gara e colleziona subito palloni persi in attacco.

Dopo un furente timeout di Boniciolli, i capitolini si rianimano e guidati da Smith cominciano a farsi pungenti al tiro e velenosi in contropiede. La Pepsi non riesce a sfruttare le debolezze degli avversari in fase di impostazione ed il primo quarto si chiude 18-19 per gli ospiti.

Nella seconda frazione è  Djedovic con una serie di belle giocate a trascinare i romani, mentre Caserta sembra appannata e commette una serie di errori tali da imbestialire il pubblico amico. Il livello di basket espresso dalle due compagini è semplicemente rivoltante in certi frangenti (andrà in archivio con 13-8 per punti segnati) e dopo una serie di errori al tiro  il punteggio sembra bloccato sul 26-25.  Garri rompe l'equilibrio e fissa il tabellone sul  31-27. Roma sigla un agghiacciante 9/33 complessivo (2/14 da tre) e paga le 12 palle perse, Caserta fa poco meglio e soffre ai liberi ma sembra più viva degli avversari.

Alla ripresa delle ostilità la musica non cambia e i puristi del gioco soffrono per quanto avviene sul parquet, Williams e Bowers costruiscono il +11 al 23’, la Lottomatica non segna praticamente mai e continua a perdere palloni in attacco (quasi a quota 20) con sciagurata e incredibile continuità. Per rianimare la truppa virtussina ci vuole una nuova infusione di vitalità del positivo Djedovic, capace di guidare i compagni su entrambi i lati del campo e sopratutto di registrare gli svagati meccanismi difensivi.

Nell'ultimo quarto Sacripanti paga a caro prezzo la scelta di affidarsi alle seconde linee nel momento del massimo vantaggio, il coach insiste poi con Bowers lasciando colpevolmente in panchina il duo Colussi – Garri che aveva sostanzialmente traghettato i padroni di casa al confortevole vantaggio in doppia cifra. La Lottomatica torna sul -5 (58-54), ma nei pochi minuti restanti la fisicità e l'entusiasmo di Jones bastano alla Pepsi per chiudere il sipario avanti per 68-60.

Caserta vince ma non convince, Roma fa nuovamente cadere le braccia per lo sconforto ai suoi tifosi. I numeri mostrano il 40.5% da due, il  18.2% da tre e 20 palle perse, ma non spiegano fino in fondo quanto la Lottomatica abbia concesso ad una Pepsi che conquista il successo giocando una pallacanestro di bassa lega. Gordic è atteso con molta curiosità, anche perchè il reparto esterni è ormai in crisi perenne e senza un playmaker di ruolo è impossibile costruire un percorso tecnico convicente.


Pepsi Caserta - Lottomatica Roma 68-60 (18-19, 13-8, 15-8, 20-23).
Pepsi: Marzaioli ne, Koszarek 1, Colussi 6, Parrillo ne, Porfido ne, Di Bella 11, Bowers 5, Garri 8, Ere 8, Martin, Williams 16, Jones 13. All.: Sacripanti. : Smith 5, Tonolli ne, Washington 4, Vitali, Crosariol 9, Traorè 4, Datome 5, Dedovic 20, Marchetti, Heytvelt 13, Dasic, Iannilli ne. All.: Boniciolli. Arbitri: Cerebuch, Sardella, Capurro. Note – Tiri da tre: Pepsi 2/14; Lottomatica 4/22. Tiri liberi: Pepsi 14/23; Lottomatica 14/16. Falli: Pepsi 19; Lottomatica22. Spettatori: 4395.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anno nuovo, vecchia Virtus: Caserta domina gli uomini di Boniciolli

RomaToday è in caricamento