Italia-Grecia, gli Azzurri si scaldano per i giovanissimi pazienti del Bambino Gesù

Visita degli Azzurri al Bambino Gesù prima della gara di sabato all’ Olimpico. La FIGC al fianco dei bambini in cura.

In occasione della partita di sabato 12 ottobre allo stadio Olimpico, la Nazionale di calcio e l’ospedale Bambino Gesù, scendono insieme in campo per essere partecipi di una importante iniziativa di solidarietà a favore dell’Istituto dei Tumori e dei Trapianti. Gli Azzurri incontrano i piccoli pazienti alla vigilia dell’ incontro calcistico. In occasione dei 150 anni dell’ospedale, i ragazzi allenati dal commissario tecnico Mancini arriveranno in visita nella sede del Gianicolo. L’ iniziativa ruota anche intorno alla gara per le qualificazioni UEFA Euro 2020 Italia – Grecia, trasmessa da Raisport in onda su Raiuno

La visita al Bambino Gesù

Gli Azzurri, dal ritiro di Coverciano, arriveranno al Bambino Gesù nel pomeriggio di oggi 10 ottobre, “restituendo” la visita di una delegazione di piccoli pazienti avvenuta nel giugno scorso. Tutta la squadra si suddividerà in gruppi per incontrare il maggior numero di bambini e ragazzi ricoverati, entrando nei diversi reparti dell’Ospedale. Dal Pronto Soccorso alle Terapie intensive, dalla Neonatologia alla Pediatria, dalla Cardiologia all’Oncologia. Ad accogliere la Nazionale, guidata dal CT Roberto Mancini e dal presidente FIGC Gabriele Gravina, ci sarà la presidente dell’Ospedale Pediatrico della Santa Sede, Mariella Enoc

Pronti al fischio di inizio

La sera della partita, sabato 12 ottobre, la grande comunità del Bambino Gesù sarà ospite della Federcalcio allo Stadio Olimpico. Oltre 5 mila tra pazienti, familiari, dipendenti e volontari dell’Ospedale saranno sulle tribune a sostenere la nazionale in questa gara per la qualificazione all’Europeo

Una maglia speciale per gli azzurri

Prima del giro nei reparti la squadra riceverà in dono un pallone con le firme dei bambini ricoverati e due pettorine decorate con i disegni della ludoteca, che verranno indossate dagli Azzurri nel riscaldamento pre-partita di Italia-Grecia

“Ogni storia merita un lieto fine”, la raccolta fondi

La partita trasmessa da Raisport in onda su Raiuno permetterà anche al pubblico più ampio degli spettatori tifosi della Nazionale di aderire all’iniziativa di solidarietà. Infatti durante la partita, sarà possibile contribuire all’attività di raccolta fondi promossa dal Bambino Gesù attraverso il numero solidale 45535, effettuando una donazione di 2 euro con sms e di 5/10 euro da rete fissa grazie agli operatori di telefonia Tim, Vodafone, Wind 3, PosteMobile, iliad, Coopvoce, Tiscali, TWT, Convergenze, Fastweb

Per la raccolta fondi i vip scendono in campo in Vaticano

La campagna di raccolta fondi “Ogni storia merita un lieto fine” è attiva già dai mesi scorsi grazie anche alla collaborazione di Lorenzo Jovanotti che ha prestato la voce e il brano “Oh Vita!” per video e spot radio ed è finalizzata alla realizzazione dell’Istituto dei Tumori e dei Trapianti. Il progetto ha l’obiettivo di promuovere la ricerca contro i tumori, l’attività trapiantologica e l’accoglienza delle famiglie. La campagna di raccolta fondi vivrà un evento culminante con “Una serata di stelle per il Bambino Gesù”, spettacolo di beneficenza dall’Aula Paolo VI in Vaticano che avrà luogo il prossimo 20 novembre condotto dal noto presentatore Amadeus. Accanto alle stelle dello spettacolo e della musica, interverranno anche alcuni rappresentanti della Nazionale e del mondo del calcio  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento