Sabato, 12 Giugno 2021
Sport

L'Open Day della Roma, in ventimila all'Olimpico

"Non ci aspettavamo una risposta così", in migliaia allo stadio per il Roma Day, la presentazione della squadra giallorossa. Boato della curva per Zeman

Ventitremila tifosi per l'open day della nuova Roma d'America, squadra che domani partirà per la tournèe negli States. Un caloroso abbraccio ma anche una grande operazione di marketing che mette in chiaro la nuova linea americana che unisce pallone e brand. Non dispiace questa nuova linea ai tifosi che hanno risposto con grande calore ed affetto.

A parte la questione commerciale le speranze dei tifosi giallorossi sono legate in gran parte al maestro boemo, quel Zdenek Zeman già amato tredici anni fa e ora accolto di nuovo, per il tecnico è stata una vera e propria ovazione al coro: "Olé, olé olé, Zeman Zeman". Il boemo ha preso il microfono: "Sono abituato all’affetto della gente, i tifosi ci staranno vicini sempre. Spero che quest’anno possiamo farli divertire e che loro riescano a farci vincere. Per me i tifosi sono importantissimi, ci aiutano ad andare avanti, ci responsalizzano a fare sempre meglio. Vi lasciamo per una settimana per andare in America, ci rivediamo fra una settimana per fare calcio sul serio".
 
La Roma ha organizzato questa giornata non solo in funzione commerciale ma anche soprattutto per i tifosi, dopo la presentazione si è svolto un leggero allenamento con la palla ed è stato possibile seguirlo in diretta streaming sul canale youtube ufficiale della Roma. Durante il pomeriggio sono stati presentati i nuovi acquisti: Bradley, Castan, Lucca e Dodò che hanno salutano i tifosi visibilmente emozionati. Castan: "Sono felicissimo di essere qui, è un onore indossare questa maglia: molti brasiliani l'hanno indossata e hanno lasciato il segno. Spero di riuscirci anche io". Tachtsidis: "Ancora non so cosa sta succedendo: sono felicissimo, grazie a tutti voi". Bradley: "Grazie a tutti: farò del mio meglio per questa maglia. In America sono entusiasti del nostro arrivo, farò ricredere chi dice che sono solo un operazione di marketing".
 
Altra novità è la Hall of Fame della Roma, voluta fortemente dalla nuova proprietà e a riguardo, e non solo, è intervenuto il direttore marketing della Roma, Christoph Winterling, ai microfoni di Roma Channel: "Bellissima giornata per noi come società. Ringraziamo i tifosi che hanno risposto in maniera impressionante. Una cosa che non ci aspettavamo, siamo molto contenti. Scegliere un momento in particolare? Tutti belli, ma la foto davanti alla Curva è stata bellissima. E’ un’iniziativa che è stata voluta dai nuovi proprietari, volevano salutare i tifosi prima di partire per gli States.
 
Questa iniziativa rientra nelle idee che vogliamo per quel che concerne la comunicazione con i tifosi. Tutte queste iniziative ci aiutano a essere vicini ai nostri tifosi. La tournée ci aiuterà a far crescere il brand, è una cosa importante. Hall of Fame? Non sarà l’ultima iniziativa. E’ stata voluta dai proprietari, lo vivono da tanti anni, noi siamo la prima squadra in Italia a farla. Complimenti ai tifosi che hanno partecipato in tantissimi da tutto il mondo". Poi con una battuta: "l'unico spreco è l'affitto che ci tocca pagare", riferimento non poco velato al progetto del nuovo stadio. E' ufficialmente partito la nuova Roma di stampo Usa.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Open Day della Roma, in ventimila all'Olimpico

RomaToday è in caricamento