rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Sport

Zaniolo: "Deluso dai miei ex compagni di squadra, io per la Roma una plusvalenza"

L’ex maglia 22 dei giallorossi racconta il rapporto con la squadra, con Mourinho e la città

“Sono rimasto deluso da quasi tutti i miei ex compagni di squadra. Non faccio nomi, mi dicevano che eravamo come fratelli e poi non mi hanno nemmeno salutato”.

A parlare è Nicolò Zaniolo che, a pochi mesi dall’addio alla Roma – in una intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport – ha raccontato sensazioni e stati d’animo di quei giorni concitati alla vigilia della partenza, prima di salire su volo diretto a Istanbul, in Turchia. Il calciatore, classe ’99, centrocampista del Galatasaray, parla del rapporto con la squadra, con Mourinho e con la città. 

Nella lunga intervista al giornalista Massimo Cecchini, Zaniolo non ha perso occasione per togliersi qualche sassolino dalla scarpa, a iniziare dai suoi ormai ex compagni di squadra.

“Sono rimasto deluso da quasi tutti. Non faccio nomi, ma dicevano che eravamo come fratelli e poi non mi hanno neppure salutato” ha risposto l’ex numero 22 della squadra giallorossa. E si è detto certo di non aver problemi con i calciatori della Roma se dovesse incontrarli in nazionale, aggiungendo: “Forse qualcuno può avere delle difficoltà con me, io non ne ho. Chi ha la coscienza sporca lo sa”. 

Di Mourinho ha detto: “È un grandissimo allenatore e una grandissima persona. Mi ha fatto giocare quasi sempre. Certo, lui è abituato a gestire i fuoriclasse e io non lo ero. Mi sarebbe piaciuto averlo fra quattro o cinque anni, però mi ha dato tanto lo stesso”. Immancabile un commento sul recente derby della capitale, Zaniolo ha tifato Roma: “Speravo finisse in maniera diversa”.

Al calciatore del Galatasaray viene chiesto conto dello strappo della maglia nella partita contro il Genoa: “È stato solo un gesto di stizza, non di disprezzo. È come se avessi dato un pugno sull’erba. Non voleva essere una mancanza di rispetto”.

E sul rinnovo mancato, Zaniolo ha spiegato: “Potrei parlare ore di promesse non mantenute. Mi dicevano che ero una punta di diamante, invece sono sempre stato considerato solo una plusvalenza. Per due anni mi è stato detto che il nuovo contratto era pronto. A gennaio dell’anno scorso avrei firmato a poco più di quello che guadagnavo, perché a Roma stavo bene e sapevo che c’erano problemi col Financial Fair Play. Dopo tante chiacchiere mi sono stufato. Se io devo riflettere sul mio addio, penso che debbano farlo anche altri”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zaniolo: "Deluso dai miei ex compagni di squadra, io per la Roma una plusvalenza"

RomaToday è in caricamento