Sport Parioli

Nasce la Lazio Basketball A.T.G.

L'aquila biancoceleste torna a volare nella pallacanestro

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Alla Ginnastica Roma, luogo storico dello sport capitolino dove il 5 giugno del 1932 giocò la prima partita della sua storia la Lazio Pallacanestro, è iniziato oggi il volo di un nuovo soggetto sportivo che porta l’aquila sul petto: la Lazio Basketball A.T.G. Alla presentazione del nuovo club nato dall’incontro tra Enrico Gilardi, storica bandiera della pallacanestro romana, Luigi Capasso e Giampaolo Bocci, hanno portato il loro saluto anche il Presidente della Fip Gianni Petrucci e quello del Coni Regionale Riccardo Viola. “Nasce un progetto –ha detto Gilardi - che vuole ricalcare il percorso che facemmo io e molti miei compagni di squadra. Eravamo giovanissimi quando l’allora Basket Roma confluì nella Lazio. Ci allenava a Giancarlo Asteo. Io a 18 anni ho esordio in A2 e con me molti compagni che poi hanno fatto parte anche del gruppo che conquistò la A. Ci venne data la possibilità di giocare nel basket che contava con una maglia e dei colori storici. Noi vorremmo riproporre questo cammino. Partiamo dal basso ma volgiamo lo sguardo verso l’alto. un accordo con la Nuova Lazio Pallacanestro di Giampaolo Bocci e oggi presentiamo ufficialmente quello con la Scuola Basket Roma di Roberto Castellano. Con lui c’è stata una sintonia immediata. Giocheremo con la squadra senior sul campo della sua società, il PalaReny. Roberto guiderà la formazione under 19 che darà anche giocatori alla prima squadra mentre io sarò con gli under 15. Comunicheremo presto il nome di gallenerà la serie C. Faremo anche minibasket come Lazio Basketball A.T.G. e posso annunciare che siamo prossimi ad avere anche una squadra femminile”. Il Presidente della Fip Petrucci non nasconde le proprie simpatie per la nuova Lazio Basketball A.T.G. “Ho rimandato la partenza per Pinzolo, dove si è radunata la Nazionale, per essere qui oggi, in un circolo che è la storia dello sport romano e accanto a degli amici che mi hanno presentato un progetto entusiasmante. La presenza di Gilardi è una garanzia assoluta di serietà. Si dovranno scontrare con la mancanza di impianti che è un male cronico della città. È una vergogna che Roma non abbia, ad eccezione del PalaEur, un palazzetto che ospiti le sue squadre. Non essere nella Polisportiva non è certo un problema. Chi tifa Lazio e vedrà questi colori e questo simbolo non potrà che innamorarsi di questa squadra e portare sugli spalti il suo calore”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce la Lazio Basketball A.T.G.

RomaToday è in caricamento