menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

#LiberalaLazio, tifosi preparano la contestazione ma Lotito contrattacca

L'attenzione dei tifosi è rivolta alla contestazione nei confronti di Lotito prevista per Lazio-Sassuolo. Il presidente alza il prezzo dei biglietti

La Lazio ieri ha perso malamente sul campo del Catania. Non è stata una bella partita. Anzi. I biancocelesti sono usciti ridimensionati rispetto alle precedenti uscite con Reja, nelle quali avevano collezionato ben 12 punti sui 18 a disposizione, ottenendo 3 vittore e 3 pareggi. La truppa laziale ha fatto vedere anche un passo indietro sul piano del gioco e dell'approccio alla partita, componenti che dovrà ritrovare già a partire dalle prossime gare se l'obiettivo è gettare l'assalto all'Europa. 

#LIBERALALAZIO - Nonostante la brutta sconfitta di ieri, sono già diverse settimane che la tifoseria laziale è più attenta a quello che succede fuori dal campo: la chiusura del mercato, al termine del quale la Lazio ha ceduto Hernanes senza rimpiazzarlo a dovere, ha infatti dato vita alla creazione di un movimento di liberazione della società biancoceleste dal 'tiranno' Lotito.

L'hashtag #liberalalazio spopola ormai da diverse settimane sui social network, agorà virtuale dove i tifosi si sono coordinati per contestare la società, dandosi appuntamento in massa per Lazio-Sassuolo del 23 febbraio, la prima partita in casa dopo il derby (match in cui era impensabile che il tifo facesse mancare il proprio apporto alla squadra). 

STADIO PIENO PER DIRE BASTA - Stando a quello che si legge su Facebook e su Twitter, all'Olimpico contro il Sassuolo dovrebbe esserci il pubblico delle grandi occasioni: si parla di più di 50.000 spettatori, numeri che riportano alla mente i tempi della Lazio di Cragnotti. Tuttavia, come già detto in precedenza, i sostenitori non accorreranno per manifestare il proprio supporto alla squadra, bensì per indirizzare la loro contestazione nei confronti del patron biancoceleste Claudio Lotito.

L'accusa principale nei confronti del numero uno laziale, è quella di non provare amore per la squadra di cui è presidente e di utilizzare il club esclusivamente per scopi personalistici (da qui il soprannome 'il Gestore'). La decade presidenziale di Lotito per una buona parte del tifo laziale, quella che lui chiama la Sparuta Minoranza, (aumentata a dismisura dopo la cessione del Profeta) ha mortificato le ambizioni della tifoseria e ammazzato la lazialità.

LE CONTROMISURE DI LOTITO - Claudio Lotito, ormai abituato e quasi del tutto impermeabile alle contestazioni, questa volta non sembra essere rimasto del tutto impassibile all'iniziativa dei tifosi: lo dimostra il fatto che il 14 febbraio, è incominciata la vendita dei biglietti per lo scontro con il Sassulo, e che pur non trattandosi di un match di cartello, i prezzi per le tribune, in particolare quella d’Onore e la Monte Mario, sono aumentati. La differenza è evidente: si è passati da 120 a 150 euro per la Tribuna d’Onore, da 70 a 90 euro per la Monte Mario e da 50 a 60 euro per la Tevere. Soltanto i prezzi dei settori popolari sono rimasti invariati. Semplice casualità?

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Notizie

Blocco traffico a Roma: domenica 24 gennaio niente auto nella fascia verde

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

  • De Magna e beve

    12 "vizi" artigianali: nuovo regno del tiramisù apre a Roma

  • De Magna e beve

    Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento