Giovedì, 29 Luglio 2021
Sport

La Lazio blocca la Samp, ma la vittoria ormai è un miraggio

I biancocelesti non vincono dalla seconda giornata. Contro la capolista Samp Zarate e compagni non riescono a sfruttare una lunga superiorità numerica. Alla fine decidono le reti di Pazzini e Matuzalem

La squadra di Ballardini e i ragazzi di Del Neri mantengono le premesse di spettacolo e danno vita ad una splendida partita ricca di episodi e ribaltamenti di fronte. Lazio efficace e incisiva nei primi minuti di entrambi i tempi, Sampdoria più quadrata e manovratrice per larghi tratti.

Pazzini allunga il suo ottimo momento trovando il goal del vantaggio come solo lui sa fare, risponde Matuzalem con un gran goal che chiude la prima frazione.

Nella ripresa tante occasioni da una parte e dall’altra soprattutto nel finale esagitato da un pessimo Orsato, ma prima Muslera e poi Castellazzi chiudono tutte le sortite avversarie da campioni e distribuiscono equamente la posta in palio. Ballardini recupera Brocchi a metà campo e torna al vecchio e prolifico 4-3-1-2 con Matuzalem vertice alto del rombo dietro le due punte Rocchi e Zarate.

L’allenatore ravennate teme le fasce doriane e a sorpresa si affida a Siviglia terzino destro, Lichtsteiner va in panchina. Assenti i soliti Meghni, Del Nero, Scaloni e Makinwa oltre ai due grandi esclusi Ledesma e Pandev. Gigi Del Neri deve rinunciare allo squalificato Gastaldello e agli infortunati Semioli e Tissone, sostituiti da Padalino e dal rampollo Poli. Davanti ovviamente confermatissimi Cassano e Pazzini. Le errate decisioni arbitrali scombinano gli equilibri in campo. Prima Orsato sorvola sul presunto contatto di Mauri in occasione del pareggio laziale, poi espelle Baronio per un tackle sul pallone spezzando la superiorità numerica biancoceleste, infine nega un netto rigore alla Samp per una sciagurata spallata di Diakitè su Ziegler. Un disastro su tutta la linea.

Muslera e Castellazzi blindano a doppia mandata le proprie porte, Pazzini segna e si muove bene così come l’ottimo Matuzalem. Bene il centrocampo blucerchiato ad eccezione dell’ingenuo Padalino, bocciato l’impreciso Rocchi e un poco incisivo Cassano. Peggiore in campo, come abbiamo detto ma è giusto ribadirlo, l’arbitro Orsato. Dalla zona mista arrivano le prime voci post gara. Il centrocampista biancoceleste Christian Brocchi dichiara: “C'è stato un momento di euforia da entrambe le parti che ha condizionato le decisioni arbitrali. Penso che la gara vada valutata nel complesso e non solo dal punto di vista degli errori arbitrali. Abbiamo avuto tante palle goal.

Potevamo vincere contro la Samp, una delle squadre più in forma del campionato. Abbiamo dimostrato di essere una buona squadra. Sono contento della mia prestazione, al rientro dopo una lunga assenza. Sul nostro andamento in campionato incide molto la preparazione fatta per la finale di Supercoppa Italiana”. Più duro il tecnico Ballardini “Se andiamo a guardare gli episodi, a fine partita c'era un chiaro rigore su Zarate. Per non parlare dell'espulsione di Baronio e della gomitata subita da Siviglia in occasione del vantaggio della Sampdoria. Detto questo, abbiamo affrontato una delle squadre più in forma di questo campionato ed abbiamo tenuto bene il campo.
E' vero che non vinciamo una partita in campionato da agosto, ma oggi dobbiamo pensare positivo e stare tranquilli, usciremo da questo momento”. La squalifica di Baronio potrebbe riaprire le porte a Ledesma: “Su questo fatto vedremo. In general comunque devo dire che l'impegno in Europa League incide parecchio sull'andamento della squadra in generale”. In chiusura, facciamo un sincero in bocca al lupo a Giampaolo Pazzini che dovrà restare fermo un mese per lo scontro aereo con Muslera, reo di aver colpito l'attaccante della Samp con un pugno.

 

AZIONI SALIENTI
11' Primo lampo di Cassano: destro dalla distanza che trova pronto Muslera. Sul capovolgimento di fronte la Lazio vicina al gol con Matuzalem, che in area di rigore, dopo essere stato servito da Zarate, lascia partire un destro rasoterra che finisce di poco a lato.

17' Sampdoria vicina al gol: Mannini serve Cassano che, entrato in area di rigore, si vede respingere il destro a giro da un attento Muslera

37' Cassano serve Pazzini in profondità, ma il tiro dell'attaccante blucerchiato è stoppato da Cribari. Sul capovolgimento di fronte Zarate si accentra e va alla conclusione, che finisce a lato.

40' Vantaggio meritato della Sampdoria con il suo attaccante di punta, che batte con un preciso colpo di testa Muslera, dopo essere stato servito dalla fascia destra da Padalino. 1-0 Sampdoria

42' Pareggio immediato della Lazio con il brasiliano, che dopo essere stato servito deliziosamente da Rocchi, stoppa con eleganza dentro l'area di rigore e batte Castellazzi con un preciso diagonale destro. Di nuovo parità 1-1

55' La Sampdoria finisce in dieci uomini: Padalino viene allontanato dal campo da Orsato, dopo aver steso Mauri, doppia ammonizione. Nel primo tempo era stato ammonito per la prima volta per aver protestato eccessivamente dopo il gol del pareggio laziale.

59' Lazio vicina al raddoppio: Rocchi serve ancora Matuzalem, che è sfortunato nel rimpallo con Castellazzi, con il quale era a tu per tu

65' Lazio vicina al gol: Brocchi serve con un tocco delizioso Mauri, il cui sinistro al volo termina di poco a lato.

73' Ristabilita la parità numerica: seconda ammonizione per Baronio, che colpisce Cassano. Appare severa la decisione di Orsato. Baronio sembra aver colpito prima il pallone. Dieci contro dieci in questi ultimi 20 minuti.

75' Muslera!! Il portiere uruguayano devia in angolo una bella punizione a giro battuta da Ziegler.

83' Sampdoria vicina al gol: la conclusione dalla distanza di Cassano scheggia la traversa

87' Scontro di gioco tra Pazzini e Muslera: l'attaccante della Sampdoria ha la peggio e resta a terra. Duro il colpo ricevuto dal giocatore blucerchiato.

90' Miracolo di Castellazzi! Il portiere sampdoriano respinge un sinistro rasoterra di Cruz, servito da Zarate, autore di una straordinaria serpentina nei pressi dell'area di rigore.

93' Ancora Castellazzi!!!! Stavolta il portiere blucerchiato dice di no a Mauri, che aveva colpito benissimo di testa, dopo essere stato servito da Brocchi. Lazio ancora vicina al vantaggio.

TOP
MAURO ZARATE 6,5: “Maurito” oggi va a folate. Parte bene, semina il panico nella difesa doriana e mette davanti al portiere Matuzalem. Piano piano, però, inizia a perdersi nei suoi dribbling e comincia a giocare da solo, dimenticandosi dei compagni. Nel finale ritorna ad essere il fenomeno che conosciamo. Da applausi la serpentina che manda in porta Cruz.

FERNANDO MUSLERA 7: Alzi la mano chi, dopo Lazio-Milan 1-5 di due anni fa, avrebbe pensato di rivedere il portierino uruguaiano titolare nel nostro campionato. Ebbene dopo tanto lavoro, eccolo qua, sicuro, reattivo e decisivo più che mai. Se la Lazio nel primo tempo subisce solo una rete è principalmente merito suo.

FLOP
CRUZ & ROCCHI 5: Se Zarate illumina, Rocchi e Cruz spengono la luce. Prima uno, poi l'altro sono sprecano malamente le occasioni create dai compagni di squadra. Non segnano da una vita e la Lazio sta elemosinando i loro gol che potrebbero dare una svolta al campionato biancoceleste.

IL TABELLINO

LAZIO-SAMPDORIA 1-1

MARCATORI: 40’ Pazzini (S), 42’ Matuzalem (L)
LAZIO (4-3-1-2): Muslera 7; Siviglia 6.5 (85’ Lichtsteiner s.v.), Cribari 5.5, Diakitè 6, Kolarov 6.5; Brocchi 6, Baronio 6, Mauri 6.5; Matuzalem 6,5 (80’ Dabo s.v.); Rocchi 5 (80’ Cruz 5.5), Zarate 6.5. A disposizione: Bizzarri, Radu, Eliseu, Foggia. All. Ballardini 6
SAMPDORIA (4-4-2): Castellazzi 7; Stankevicius 5.5, Lucchini 6, Rossi 6.5, Ziegler 6.5; Padalino 5, Palombo 6.5, Poli 6.5 (60’ Zauri 6), Mannini 6.5; Cassano 5.5, Pazzini 7 (85' Pozzi s.v.). A disposizione: Guardalben, Cacciatore, Accardi, Soriano, Bellucci. All. Del Neri 6.5

ARBITRO: Orsato di Schio 4

AMMONITI: Brocchi (L), Baronio (L), Padalino (S)

ESPULSI: Padalino (S), Baronio (L)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Lazio blocca la Samp, ma la vittoria ormai è un miraggio

RomaToday è in caricamento