menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lazio, 17 anni e faccia da 40enne: caso Minala corre sul web

Da una casa famiglia alla Lazio, ma c'è chi dubita sull'età calciatore

Dall'Africa con un unico sogno, giocare in serie A. La storia di Joseph Marie Minala sembra la sceneggiatura di un film. Ma attenzione perché i casi del brasiliano 'tarocco' Luciano (o Eriberto) oppure del nigeriano Taribo West fanno suonare qualche campanello dall'allarme.

Il centrocampista della Lazio convocato da Edy Reja nel derby con la Roma però corre per la sua strada. La vita lo ha temprato e anche se poi è finito in tribuna non desisterà. Nè forse ascolta le insinuazioni sulla sua età. Il giorno dopo la stracittadina il suo è diventato quasi un caso sul web: "ha talento, ma quanti anni ha veramente?", si domandano numerosi siti stranieri di calcio africano. E ben presto la vicenda rimbalza anche in Italia. 

Minala, infatti, sembra dimostrare ben più dei 17 anni che il passaporto camerunense e la carta d'identità italiana attestano. "Ha una grossa fisicità, ce lo hanno criticato ma il passaporto indica che l'età è quella", dice Vito Trobiani, dg della Vigor Perconti. Per conoscere la carriera calcistica del giocatore nato a Yaoundè il 24 agosto 1996, bisogna partire proprio dalla società dilettantistica romana. 

La prima a notare le qualità del ragazzo presso la casa famiglia 'la Città dei Ragazzi', di cui da un anno era ospite. "Ce l'hanno segnalato i nostri osservatori vedendo le sue partite - ricorda Trobiani -. A Roma ha uno zio che gli fa da tutor. Solo perchè di colore si pensa che abbia un'età diversa". E l'aspetto non l'aiuta: il suo volto sembra molto più adulto di quello che dicono i documenti. Insinuazioni, però, che non fermano le sue ambizioni. E dopo una stagione con gli Allievi della Vigor, con qualche apparizione Juniores, e in rappresentativa regionale ecco la chiamata della Lazio. 

"Faceva la differenza per le sue qualità. Aveva richieste anche da Udinese, Napoli, Spezia e Inter, ma ha deciso di rimanere a Roma. Lo abbiamo ceduto a luglio ma per tesserarlo la Lazio ha impiegato del tempo", spiega l'ex dirigente. E con la Primavera laziale ha realizzato già cinque gol in otto partite. Fino alla convocazione di ieri, suggerita forse dal vice Alberto Bollini che ne ha guidato l'inserimento in biancoceleste. 

"Per noi è un motivo di vanto - ammette Trobiani - è arrivato subito alla ribalta della serie A. Sta facendo molto bene, è merito suo". I più maligni ipotizzano un nuovo caso Eriberto o Martins, gli stessi tifosi laziali ci scherzano su: "il curioso caso di Joseph Minala", scrivono sui forum riferendosi al film 'Il curioso caso di Benjamin Button', in cui Brad Pitt ringiovanisce ogni giorno che passa. 

"Minimo ha 40 anni" commenta qualcuno. "Deve avere una volontà di acciaio", riconoscono in tanti. "La soddisfazione di oggi mi ripaga dei tanti sacrifici fatti. Oggi è toccato a me, ma poteva accadere a uno dei miei compagni" scrive Minala su Twitter per la prima convocazione. Determinato, al di là dell'apparenza. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Daniele De Rossi ricoverato allo Spallanzani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • De Magna e beve

    La vera storia della carbonara: origini e curiosità

  • De Magna e beve

    Carbonara: 7 errori comuni da non fare mai

  • Attualità

    La bufala del vaccino su chiamata a Roma

  • Cultura

    La Roma di Stefania Orlando

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento