La crisi della Lazio all'esame Milan

Nel posticipo i biancocelesti sono chiamati ad una prova d'orgoglio contro un Milan dalla difesa da inventare. Out Rocchi, potrebbe rientrare Matuzalem. In porta Muslera ancora titolare

Foto di Roberto Vicario
Una Lazio in piena crisi prova a destarsi dal torpore che l'attanaglia dalla sconfitta nel derby sfidando nel posticipo il Milan. I biancocelesti sono in piena crisi e tutti sono ormai colpevoli. C'è chi chiede la testa di Delio Rossi che mai come ora, da quando è alla Lazio, rischia seriamente di saltare.

A raccontare la crisi biancoceleste sono i numeri impietosi. La corsa dei Rossi boys sembra essersi fermata dopo il gol di Baptista. Dal 16 novembre, giorno della sconfitta contro la Roma, la Lazio ha vinto solo 2 partite di campionato, ha raccolto 9 punti in 9 partite, subendo 19 gol su un totale di 32. Di contro l'attacco non è più spietato come ad inizio campionato. In queste nove partite appena 9 i gol messi a segno, di cui sei in 2 sole partite, contro Udinese e Reggina.

Tanto è bastato ieri per far esplodere la contestazione a Formello. Trecento tifosi hanno intonato cori pesanti contro giocatori e tecnico. Nessuno è stato risparmiato, neanche l'idolo Zarate, accusato di scarso impegno. Particolarmente fischiato Carrizo accusato di scarso attaccamento alla maglia. I tifosi hanno poi già idealmente sostituito Delio Rossi, visti i cori che inneggiavano al Cholo Simeone, dato come possibile nuovo allenatore della Lazio nel caso le cose precipitassero.

Di certo c'è che il Milan non è la squadra migliore per sciogliere i tanti nodi biancocelesti. Come se non bastasse, infermeria e giudice sportivo costringeranno Rossi a scelte obbligata. Il giudice ha infatti appiedato Lichtsteiner e Foggia, mentre in infermeria sono finiti Rocchi (due settimane di stop per il capitano) e Brocchi.

Le scelte appaiono così obbligate. In porta Muslera dovrebbe essere confermato. Davanti a lui De Silvestri a destra e Radu a sinistra. Al centro dovrebbero agire Rozenhal e Siviglia. A centrocampo certi sono Dabo e Ledesma. Il dubbio è tra Meghni e Francelino Matuzalem per il ruolo di interno sinistro. Il brasiliano appare però favorito.

Mauri agirà poi alle spalle della coppia Zarate-Pandev,che tanto bene ha fatto ad inizio campionato quando Rocchi era infortunato.

Il Milan arriva all'Olimpico con una difesa rabberciata. Out Nesta e Kaladze, anche Maldini è squalificato. Bonera poi è influenzato ed è in forte dubbio. Al centro dovrebbero così giocare Favalli e Senderos. A centrocampo Pirlo avrà ai suoi lati Ambrosini e Beckam. In avanti Kakà e Pato. Da decidere una maglia: il ballottaggio è tra Seedorf e Ronaldinho.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Zona arancione, oggi si decide per Roma e il Lazio: i romani dovranno abituarsi a nuove regole

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento