Sport

Lazio, presentato ricorso contro la chiusura della Curva Nord

Il Giudice sportivo ha stabilito ieri la chiusura, per domenica, nell'esordio casalingo contro l'Udinese, della curva nord dello stadio Olimpico

Dopo il provvedimento del giudice sportivo Tosel che ha 'chiuso' la Curva Nord per i cori razzisti in Supercoppa, la Lazio presenta ricorso alla Corte di giustizia federale con procedura d'urgenza per una sospensione o l'annullamento del provvedimento. 

Lo dice all'Ansa l'avvocato della Lazio, Gian Michele Gentile. Il Giudice sportivo ha stabilito ieri la chiusura, per domenica, nell'esordio casalingo contro l'Udinese, della curva nord dello stadio Olimpico dopo i cori razzisti lanciati dal settore occupato dai tifosi laziali nei confronti degli juventini Pogba, Ogbonna e Asamoah, durante la Supercoppa.


Come spiega il legale della Lazio, la società ha "chiesto la procedura d'urgenza", contro il provvedimento di chiusura della curva nord per la partita contro l'Udinese di domenica sera, valida per la prima giornata del campionato di Serie A. "Ci aspettiamo un pronunciamento tra giovedì e venerdì. Auspichiamo un provvedimento di sospensione o un annullamento", di quanto deciso dal giudice sportivo, ha aggiunto l'avvocato Gian Michele Gentile.

La Lazio, però, è già nel mirino sia della Lega Calcio e della Uefa. Nella scorsa stagione dell'Europa League, infatti, la tifoseria biancoceleste si è resa protagonista di ululati razzisti che ne hanno causato la sospensione per la gara di ritorno contro il Fenerbache che costò l'eliminazione dalla competizione agli uomini di Petkovic. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lazio, presentato ricorso contro la chiusura della Curva Nord
RomaToday è in caricamento