rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Sport

Sui social è virale l'hastag #iostoconHysaj. Anche la politica romana interviene sul caso Hysaj

Lo striscione degli ultras contro Hjsay ed il suo "Bella Ciao", ha scatenato la rivolta dei tifosi laziali che supportano il terzino. A sostegno della Lazio e del calciatore anche la politica romana

Il caso Hysaj continua a far parlare. Lo striscione degli ultras della Lazio, apparso sul ponte di Corso Francia, contro il Bella Ciao cantato da Hysaj ha scatenato la reazione del club biancoceleste ma non solo.

Al fianco della Lazio, che sostiene il calciatore e condanna lo striscione, si è affiancato il mondo social, ma anche quello della politica romana. 

Il comunicato della Lazio

Il club capitolino ha pubblicato un comunicato ufficiale nel quale "condanna fermamente il vergognoso striscione contro il calciatore". La nota continua: "Non è il primo episodio di questo tipo. Noi non saremo mai dalla parte di chi nega i valori dello sport. Siamo senza indugio invece dalla parte del nostro atleta e di tutti gli altri calciatori impegnati in queste settimane nel ritiro precampionato. Prendiamo nettamente le distanze da chi vuole strumentalizzare per fini politici questa vicenda che danneggia la squadra, tutti i tifosi laziali e la Società". Infine il club conclude dichiarando di non temere "chi usa toni violenti ed aggressivi: per loro non c’è alcuno spazio nel nostro mondo che invece è ispirato ai sani valori sportivi della lealtà e della competizione, del rispetto reciproco e della convivenza civile ed indirizzato al superamento di tutti gli steccati di carattere sociale, culturale, economico e razziale".

#iostoconHysaj

È diventato virale l’hastag #iostoconHysaj con cui tantissimi tifosi biancocelesti prendono le distanze  dalla “Lazio è fascista”. Parlassero a nome loro io sono laziale e non sono fascista forza Lazio”oppure “Basta infangare il nome della Lazio con la parola fascismo. La maggioranza dei tifosi non è questa, è ora di far tacere chi vuole farci passare per quello che non siamo Noi amiamo la Lazio punto e basta #iostoconHysaj” sono solo alcuni dei messaggi a favore del calciatore albanese.

La politica sta con Hysaj e la Lazio 

A supporto di Hysaj è scesa anche la politica romana. Roberto Gualtieri del Partito Democratico e candidato sindaco di Roma del centrosinistra è stato fra i primi ad intervenire a sostegno del terzino. Queste le sue parole su Twitter: “Solidarietà al calciatore della Lazio #ElseidHysaj, insultato sui social e oggetto di un vergognoso striscione per aver cantato Bella Ciao. Una frangia minoritaria della tifoseria macchia l'immagine della squadra e della città. #Roma è antifascista, lo sarà sempre. #IostoconHysaj".

Anche Carlo Calenda candidato al Campidoglio, è sceso in campo contro lo striscione degli ultras. Il leader di Azione ha twittato: "Non credo proprio che la @OfficialSSLazio sia fascista o che lo siano i laziali. Mio fratello è laziale oltre ogni immaginazione ed è lontanissimo da queste idiozie. E così tante altre persone che conosco. Ma una presa di posizione chiara è necessaria da parte di tutti". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sui social è virale l'hastag #iostoconHysaj. Anche la politica romana interviene sul caso Hysaj

RomaToday è in caricamento