Federleague (rugby a XIII), partita l’avventura Kenya: domani il test-match della Nazionale!

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

E' ufficialmente partita l'avventura della Nazionale italiana di rugby a XIII che domani (ore 16 locali, ore 14 italiane) sarà di scena a Watamu, in Kenya, per il suo primo test-match stagionale. La comitiva azzurra con tutto lo staff tecnico e i dirigenti federali al seguito comprende questi giocatori: Concetto D'Aquila, Camel El Gassaoue, Federico Re, Alfio Finocchiaro, Attilio Bonnici, Gabrio Maionchi, Matteo Fiaschi, Gianluca Genua, Simone Bianco, Alessandro Ippoliti, Cristiano Lavini, Carlo Donadio, Matteo Lombardi, Giacomo Franzoni, Fabrizio Massafra, David Zonta e Carlo Staccone. Gli azzurri sono partiti ieri (mercoledì), mentre oggi si è tenuta la conferenza stampa di presentazione in cui il commissario tecnico azzurro Tyron Sterry ha parlato dell'appuntamento sportivo. «Siamo molto felici di poter sfidare il Kenya, nazionale che recentemente ha fatto sensibili passi in avanti nel rugby a XIII. Anche per noi sarà un test di verifica del nostro grado di crescita e assemblamento del gruppo». Molto caloroso il benvenuto delle autorità locali col ministro dello sport kenyano che ha indossato anche una maglia della Nazionale della Federleague e con le autorità rugbistiche africane che hanno sottolineato l'importanza di questo evento. Un match che rappresenta un'opportunità di crescita tecnica per entrambe le squadre e che metterà di fronte due squadre differenti: più veloci e atletici i kenyani, più compassati e fisici gli italiani. Ma la trasferta della Federleague in Kenya servirà anche (e soprattutto) per tornare a valorizzare il risvolto sociale che è sempre alla base del movimento della Federazione Italiana Rugby Football League. D'altronde già da qualche mese la Firfl ha promosso il "Kenya Charity Camp Firfl", un'idea avviata in maniera sperimentale a novembre che la Federleague vuole rendere operativa (almeno) per i prossimi tra anni. La Firfl ha mandato suoi tecnici federali negli orfanotrofi di Watamu e Malindi (due delle città più importanti del Kenya) con lo scopo non solo di insegnare e infondere i valori del rugby league agli sfortunati bambini africani, ma di aiutare questi giovanissimi e le strutture che li ospitano. A partire da sabato e fino al giorno della partenza (prevista per martedì 25 marzo), i giocatori della Nazionale, lo staff e i dirigenti federali faranno visita negli orfanotrofi, prestando tutto il sostegno possibile a questi sfortunati bambini.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento