rotate-mobile
Sport

Lazio, calcioscommesse: fallita la conciliazione tra Figc e Mauri

Questo per dare tempo alla difesa della Figc di replicare ai motivi aggiunti depositati dai legali del giocatore della Lazio

Si è svolta davanti al Tnas la prima udienza nella controversia che vede Stefano Mauri contrapposto alla Federcalcio. È fallito il tentativo di conciliazione tra le parti e la seconda udienza è stata fissata per sabato 21 dicembre. Questo per dare tempo alla difesa della Figc di replicare ai motivi aggiunti depositati dai legali del giocatore della Lazio. Il ricorso riguarda la squalifica di 9 mesi inflitta a Mauri nell'ambito del processo al Calcioscommesse.

La prima udienza davanti al collegio arbitrale presieduto da Massimo Zaccheo si è svolta oggi. Il Tnas ha esperito il previsto tentativo di conciliazione: sentite le parti e preso atto delle loro differenti posizioni, lo ha dichiarato concluso con esito negativo. "Il Collegio arbitrale ha dato atto che la difesa della parte intimata ha chiesto un termine di rito per replicare ai motivi aggiunti depositati dalla parte istante e, pertanto, ha fissato alla Federazione Italiana Giuoco Calcio il termine per il deposito di memoria in replica ai motivi depositati dalla parte istante", si legge in una nota.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lazio, calcioscommesse: fallita la conciliazione tra Figc e Mauri

RomaToday è in caricamento