Derby Roma-Lazio, prima volta senza politici in tribuna autorità

La decisione di non rinnovare a deputati e senatori le tessere di favore in tutti gli impianti sportivi d'Italia, registra infatti il primo effetto significativo

Per la prima volta da tempo immemorabile, domani non ci saranno politici in tribuna autorità allo stadio Olimpico per un derby romano. La decisione di non rinnovare a deputati e senatori le tessere di favore in tutti gli impianti sportivi d'Italia, presa dal neo presidente del Coni, Giovanni Malagò, registra infatti il primo effetto significativo: per Roma-Lazio, posticipo del lunedì della trentunesima giornata di campionato, non sono previsti parlamentari tra gli spettatori della tribuna vip gestita dall'ente che governa lo sport italiano. 

Domani con Malagò ci saranno numerosi presidenti di federazione (Rizzoli, Sciannimanico, Barelli, Di Rocco e Ravà tra gli altri), il ct azzurro Cesare Prandelli, l'olimpionica nonchè membro di giunta Coni Alessandra Sensini e il membro Cio Mario Pescante, oltre ai rappresentanti di alcune authority di governo. In rappresentanza delle istituzioni il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, il questore, Fulvio Della Rocca, il presidente del consiglio comunale, Marco Pomarici.

Lo stop alle tessere omaggio ai parlamentari per gli stadi però non impedirà domani a Fabrizio Cicchitto di tifare per la sua Roma nel derby contro la Lazio. "Io andrò a vedere la partita perchè ho la tessera della Roma. Non voglio entrare nel merito delle decisioni prese dal Coni - aggiunge il parlamentare del Pdl, che fino al derby precedente era ospite fisso in tribuna autorità - ma sono proprio curioso di vedere come sarà combinato l'ingresso alla Tribuna Autorità all'interno dello stadio. Detto questo, è una cosa che non mi tocca perchè mi pago ogni anno l'abbonamento". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo stop alle tessere omaggio per lo stadio Olimpico, status symbol di generazioni di politici è stato deciso dal Coni lo scorso 18 marzo "al fine - spiegò il comitato olimpico - di evitare strumentalizzazioni su favori e privilegi riservati ai Parlamentari della Repubblica". Fino ad allora, la concessione della tessera era riservata ad onorevoli e senatori e permetteva loro l'accesso alle manifestazioni sportive sul territorio nazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento