Pugilato: De Carolis è inarrestabile e il titolo mondiale resta alla Montagnola

Il campione del mondo dei pesi supermedi è uscito indenne dalla sfida con l'astro nascente tedesco Tyron Zeuge. A fine incontro i cartellini dei giudici assegnano un verdetto di parità. La cintura resta alla Montagnola

Foto dalla pagina facebook della Federazione Pugilistica Italiana

Parità. E la cintura Wba dei pesi supermedi torna a Roma con De Carolis. Il match che avrebbe consentito a Tyron Zeuge di diventare il più giovane campione mondiale nella storia della boxe tedesca, è stato deciso ai punti. Un incontro molto equilibrato che però, come sottolineato in telecronaca anche da Alessandro Duran , va un po’ stretto a Giovanni De Carolis. Ma Luigi Ascani, insieme a Italo Mattioli allenatore del pugile romano, lo aveva detto. “Per vincere a Berlino dobbiamo straconvincere”. Ed alla fine il pronostico è stato rispettato.

IL TITOLO RESTA A ROMA - La cintura di campione del mondo, turna dunque alla Montagnola. E più precisamente nel luogo in cui, la bella favola di Giovanni e Carolis, è cominciata: la palestra popolare Team Boxe Roma XI. Non è stato facile farla arrivare in via Pico della Mirandola ed anzi il ritardo con cui è stata spedita da Berlino, ha suscitato anche qualche polemica. Ciò che più conta è che però adesso è nelle mani di chi, anche sabato sera contro il pugile considerato l’astro nascente della boxe tedesca, ha dato il meglio di sè. Nonostante la differenza di età – Zeuge ha sette anni meno del campione romano – nonostante la sfida fuori casa e nonostante, diciamolo, anche la bravura dell’avversario, de Carolis si è fatto valere. Ed ha ottenuto un risultato importante, salutato con soddisfazione da tutto il suo team. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA SFIDA CONTINUA - La prossima difesa del titolo, ancora una volta, si dovrà svolgere in Germania. A salire sul ring potrebbe essere proprio il giovane Zeuge, che sicuramente ambisce ad una rivincita. Oppure potrebbe esserci il longevo“King” Arthur Abraham, che proprio sabato sera si è esibito al Max-Schmeling Halle per il match di apertura contro il norvegese Lihaug. L’ex campione del mondo dei pesi medi e supermedi, ha già sconfitto in carriera Giovanni De Carolis. Ma è stato tanto tempo fa. E forse questo è un motivo sufficiente per ritenere che possa essere proprio King Arthur, tedesco di origine armena, il prossimo avversario del campione romano. Una cosa è certa: la sfida pugilistica tra Italia e Germania non finisce qui.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Roma 19 nuovi contagiati: sono 3826 gli attuali positivi nel Lazio

  • Coronavirus, 20 nuovi contagi tra Roma e provincia: 3786 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 3635 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Coronavirus, a Roma 16 nuovi contagiati: nel Lazio sono 3786 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 15 nuovi contagiati: sono 3637 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento