Giovedì, 29 Luglio 2021
Sport

Cristian Cassioli segna di mano e si autoaccusa: Vis Sezze-Bassiano, 1-0

Al 28' del derby, il capitano del Bassiano, Cristian Cassioli ha fatto gol di mano ma ha segnalato la sua irregolarità all'arbitro che ha annullato il gol. Gesto di grande correttezza e lealtà sportiva

La correttezza tra gli atleti, seppur sporadica, esiste ancora. Lo ha dimostrato Cristian Cassioli, 33enne capitano del Bassiano, compagine del girone D del campionato di Promozione laziale.

Cassioli, al 28' di una partita che la sua squadra stava perdendo per 1 a 0 contra la cugina di Latina, Vis Sezze, ha fatto gol di mano. L'arbitro Di Matteo però, non si è accorto di nulla, ha ignorato le proteste degli ospiti e ha indicato il centrocampo. E' stato a questo punto che, senza pensarci, con un ammirevole gesto di lealtà sportiva, Cassioli si è avvicinato al direttore di gara per sottolineare l'irregolarità.  A quel punto, dopo l' autoaccusa del capitano, la rete è stata annullata e il gioco è ripreso con una punizione.

Il destino non è stato magnanimo con la squadra di Cassioli, che ha concluso il match con una sconfitta. Il Bassiano ha perso il derby ma il suo capitano ha vinto una partita ben più importante, quella della correttezza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cristian Cassioli segna di mano e si autoaccusa: Vis Sezze-Bassiano, 1-0

RomaToday è in caricamento