Centro Calcio Rossonero: Allievi vincono il campionato nel giorno del lutto

"Dopo il pareggio all'esordio con la Borghesiana, abbiamo fatto qualcosa di mostruoso"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Il calcio, spesso, sa raccontare storie incredibili che mescolano l'allegria, la spensieratezza, la gioia della pratica sportiva con i drammi e i fatti più tristi della vita di tutti i giorni. Sabato scorso di tutto ciò sono stati protagonisti gli Allievi provinciali fascia B del Centro Calcio Rossonero. La descrizione del mesto week-end della squadra è affidata a mister Paolo Landolina. «Tutto è iniziato venerdì, a pochi minuti dalla gara amichevole che abbiamo disputato al centro sportivo "Fabrizi" contro il gruppo '97 di una squadra professionistica israeliana. Un dirigente, infatti, mi ha comunicato la morte di un papà di un nostro ragazzo (che comunque era assente alla gara, ndr), sottolineando che i funerali di questo genitore erano stati programmati per il giorno dopo (sabato scorso, ndr) alle ore 15, esattamente nell'ora e nel giorno fissato per la nostra partita interna contro il Montelanico che ci poteva consegnare la vittoria del campionato. Subito ho informato dell'accaduto la società, nella persona di Marco Peverieri, il quale mi ha dato assolutamente carta bianca relativamente alla decisione, mettendo a disposizione i gruppi Giovanissimi per sostituirci. Alla fine dell'amichevole con gli israeliani - prosegue Landolina - ho riunito i ragazzi nello spogliatoio e abbiamo immediatamente scelto di andare ai funerali del genitore del nostro atleta». Per la cronaca il gruppo dei Giovanissimi regionali di mister Tibuzzi ha preso il posto degli Allievi fascia B battendo 7-0 il Montelanico e vincendo così il campionato. «Ma in questi giorni, ovviamente, non ci è parso giusto festeggiare nulla. Probabilmente lo faremo organizzando qualcosa nell'ultima gara casalinga di campionato, intanto la dedica per la vittoria di questo campionato è per questo nostro ragazzo e per la sua famiglia» aggiunge Landolina. Parlando solo di calcio, il tecnico sottolinea i meriti del suo gruppo in questa stagione. «Dopo il pareggio all'esordio con la Borghesiana, abbiamo fatto qualcosa di mostruoso infilando 13 vittorie consecutive e tutte con pieno merito - rimarca Landolina -, poi il girone di ritorno è stato decisamente più duro anche per merito della crescita delle altre. In questo girone c'erano almeno cinque squadre che potevano vincere, ci siamo riusciti noi con tre turni d'anticipo e ne siamo felici».

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento