Cecchina Casilina - Eccellenza, Conte: "Con l'Albalonga una sconfitta immeritata"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Anche la "dea bendata" volta le spalle al Cecchina Casilina. L'Eccellenza di mister Alfredo Conte cade sul campo dell'Albalonga terza in classifica per un rocambolesco gol allo scadere, propiziato da uno sfortunato tocco di Pasquetto. Finisce 1-0 al termine di una gara incredibile, in cui i capitolini hanno perso in sequenza per espulsione prima Chiappelloni (al quarto d'ora della ripresa), poi Tiberi (dopo la mezzora) e infine, a gara già sbloccata, anche Fondi. «C'è davvero un grande rammarico per il match di domenica - dice mister Conte, ancora amareggiato a qualche giorno di distanza -, avevamo giocato un'ottima partita, limitando i rischi anche in inferiorità numerica. Davanti abbiamo fatto il possibile, ma è chiaro che ci manca qualcosa anche se i ragazzi che sto impiegando, come il classe 1996 Farina che ha giocato domenica scorsa, stanno tutti dando il massimo. Purtroppo nelle ultime gare non siamo stati nemmeno fortunati e la classifica è eccessivamente penalizzante, ma se giochiamo con lo spirito che ho visto in queste settimane abbiamo buone speranze di uscire da questa situazione». La classifica è molto delicata, ma al tempo stesso estremamente corta visto che il Cisterna penultimo è ad un solo punto di distacco, mentre il Ceccano fanalino di coda è a -4 ma deve recuperare due partite. E anche la zona salvezza-diretta non è lontana: sono appena cinque i punti di svantaggio dal Gaeta. Il calendario, però, non è certo di aiuto al Cecchina Casilina: dopo la terza forza affrontata domenica scorsa, ecco arrivare al "De Fonseca" la seconda della classe, il Colleferro di mister Baiocco. «Rosa e classifica alla mano è inutile sottolineare che si tratta di una grande squadra - dice Conte -, hanno grandi attaccanti e tanti giocatori di qualità. Noi tra l'altro avremo assenze pesanti che ci costringeranno a trovare nuovi equilibri, ma se metteremo in campo lo spirito mostrato nelle ultime partite sono convinto che potremo mettere in difficoltà l'avversario».

Torna su
RomaToday è in caricamento