Cecchina Casilina, Buccafurni: "Col Cisterna la prima delle finali"

La situazione di classifica è molto delicata: "Inutile nasconderlo"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Non era l'avversario ideale per ripartire, ma ci si aspettava comunque qualcosa in più dall'Eccellenza del Cecchina Casilina impegnata ieri pomeriggio nel recupero della sfida col Colleferro rinviata domenica scorsa. Gli ospiti si sono imposti per 4-0, siglando due gol per tempo e non lasciando scampo agli uomini di mister Conte, tornati al penultimo posto in classifica dopo diverso tempo ai limiti (o dentro) la zona play out. «Nel primo tempo non siamo andati nemmeno male - dice il centrocampista esterno Manuel Buccafurni, uno degli ultimi arrivati nel club capitolino -, però dopo aver subito le due reti del Colleferro siamo andati in grande difficoltà dal punto di vista mentale. Tra l'altro di fronte avevamo una squadra forte e molto ben organizzata e tutto si è fatto più difficile. La differenza si è vista, ma non sempre affronteremo avversari di questo livello». Buccafurni sta tornando rapidamente in forma partita. «Sono stato fermo per un anno e mezzo e dunque non sono ancora al 100%, ma sto provando a dare alla squadra il mio contributo». La situazione di classifica è molto delicata. «Inutile nasconderlo, il momento è difficilissimo anche se non è nelle gare con Colleferro o Albalonga (in cui la squadra, comunque, ha sfiorato il pareggio cedendo solo in extremis, ndr) che dobbiamo far punti». Rispetto al match di ieri, nel prossimo turno Conte recupererà dalle squalifiche Fondi, Chiappelloni e Tiberi. La gara di domenica sul campo della Pro Cisterna (battuta dal Ceccano fanalino di coda nel recupero di ieri) sarà una sorta di finale. «E' vero, sarà una gara fondamentale - dice Buccafurni -, ma dovremo giocare come finali tutte le gare che ci rimangono da qui alla fine della stagione. Ce la metteremo tutta per centrare il nostro obiettivo».

Torna su
RomaToday è in caricamento