Casilina Calcio: in Abruzzo per il torneo giovanile “Coppa Punti Brescia”

Ruperto: "Abbiamo vissuto finora una grandissima annata"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Se per l'Eccellenza (che gioca col nome Cecchina) non sarà certo una Pasqua felice (ultimo posto per i ragazzi di Conte, battuti 1-0 in casa dall'Atletico Boville nell'ultimo turno di campionato), il Casilina può osservare con entusiasmo e serenità le gesta del suo settore giovanile, in special modo della scuola calcio. Se nel week-end di Pasqua tutti (o quasi) saranno fermi, i gruppi degli Esordienti 2002 di mister Francesco Ruperto e una mista dei Pulcini 2003 allenata da Antonio Bernardi (che però non seguirà i piccoli atleti nell'occasione) e Alessandro Casertano partirà domani alla volta di Montesilvano, in Abruzzo, per disputare la seconda edizione del torneo pasquale "Coppa Punti Brescia" ideato appositamente per le società affiliate al club delle "Rondinelle" nel centro-sud Italia. «L'anno scorso - ricorda con un sorriso mister Ruperto - i miei ragazzi hanno vinto il torneo che si disputò ad Alba Adriatica e la squadra Pulcini si classificò al terzo posto. Fu una grande esperienza perché praticamente i nostri piccoli atleti erano al loro primo vero viaggio "sportivo" lontano da casa e la ciliegina della vittoria in un torneo molto competitivo fu indimenticabile. Quest'anno il gruppo arriva già più "pronto", ma ugualmente voglioso di ben figurare e magari riuscire a confermarsi che, si sa, è sempre un'operazione difficile nello sport. Anche i 2003, inoltre, arrivano all'appuntamento con buone credenziali». Domani le due squadre del Casilina parteciperanno alla sfilata di apertura del torneo, poi sabato e domenica (nonostante la Pasqua) si giocheranno le fasi preliminari della manifestazione che si chiuderà con le finali nella mattinata del lunedì di "Pasquetta". Chiusura ancora con mister Ruperto, che è evidentemente contento di quanto visto in questa stagione. «Abbiamo vissuto finora una grandissima annata: i ragazzi sono cresciuti tanto e si sono tolti tante soddisfazioni. Non è un caso - conclude l'allenatore - che diversi nostri piccoli atleti ci sono stati richiesti dalle società più importanti di Roma a livello di settore giovanile».

Torna su
RomaToday è in caricamento