Sport

Canadian Solar Bologna - Virtus Roma: 93-91 | L'orgoglio non basta a Roma

All'Unipol Arena ci vuole un tempo supplementare per decidere la sfida tra le due Virtus. Alla fine ha la meglio la squadra di casa. Per Bologna Homan segna a referto 23 punti, per Roma Dasic ne mette 21

Roma perde il derby delle Virtus dopo un tempo supplementare nonostante una grande prova d'orgoglio. Partita con tanti errori ma molto divertente da il là alla stagione nel migliore dei modi per la Canadian Solar Bologna. A Roma rimane la buona prestazione in attesa di un riscatto contro Biella nel prossimo match di campionato. Bel primo tempo al Unipol Arena di Bologna. La Virtus Roma, parte alla grande grande anche allo strapoterere sotto canestro di Crosariol e Tucker (20) che nei primi due quarti catturano 8 dei 16 rimbalzi capitolini. Dasic prima e Dedovic poi, portano avanti Roma che tocca anche il +9. La Canadian Solar, però, non molla. Douglas-Roberts, partito dalla panchina, entra e sigla 7 punti di fila colmando il gap. Mc Intyre (12 pts) non rende come dovrebbe e Roma chiude sopra di 3 punti il primo quarto. Entra Poeta e il ritmo delle Vu nere cambia, complice anche il dinamismo di Homan (23) e Gailius che nel primo tempo siglano 16 dei 40 punti emiliani. Roma sembra condurre facilmente ma il solo Clay Tucker non basta e così il testosterone dell'ex Gigli, con una bella schiacciata, da il sopratto Canadian Solar complice anche i soli 3 punti per la Virtus Roma negli ultimi minuti del secondo quarto nonostante le 10 conclusioni tentate. L'ultimo punto giallorosso è proprio di Tucker per il 37-31 Virtus, il black out romano però si sente e Bologna, con un parziale di 9-0 chiude il primo tempo avanti 40-37. Bologna riparte alla grande con Homan e T-Mac che firmano il massimo vantaggio per i padroni di casa. Dasic (22) e Tucker, però non ci stanno e permettono a Roma di rimanere incollata nonostante la serata di grazie di Homan. La Canadian però, senza una grossa regia, si addormenta e Dasic, chirurgico come pochi rilancia alla grande Roma e porta avanti i capitolini 67-64 negli ultimi tre minuti. Maestranzi, fino a quel punto poco prolifico, approfitta dello spazio e da tre punti allunga: 71-66. Sembra finita, ma Bologna, con l'orgoglio fa un parziale di 5 a 0 e con Douglas-Roberts (13) impatta a 30 secondi dalla fine. Palla alla Virtus Roma, ma Maestranzi con una gestione a dir poco pessima si mangia il cronometro e spreca l'opportunità di sparigliare il match: è overtime all'Unipol Arena. Pronti via e Sanikidze segna una bella tripla, ma Roma risponde con Clay Tucker. Si gioca sul filo del rasio con tanti errori da una parte e dall'altra che rendono la sfida agonisticamente valida. Koponen, perfetto ai liberi (8/8) lancia lo sprint felsineo: + 5 Bologna a 100 secondi dalla fine. Gigli, col canestro dell'ex da l'allulngo decisivo 83-79 a 50 secondi dalla fine. Roma non molla mai però con Tucker e Datome (15) rimane a galla fino agli ultimi secondi. La girandola dei liberi premia la squadra di Finelli che vince per un soffio 93 a 91, dopo un tempo supplementare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Canadian Solar Bologna - Virtus Roma: 93-91 | L'orgoglio non basta a Roma

RomaToday è in caricamento