Calciomercato, il Torino minaccia e la Roma risponde: scontro su Nkoulou

Fazio e Juan Jesus col Genoa hanno messo i brividi. Fonseca lo ha ribadito: serve un difensore centrale ma con il Torino gli affari non decollano

Il caso Nicolas Nkoulou infiamma il calciomercato. La Roma lo cerca, il Torino lo rimprovera e il presidente dei granata Urbano Cairo lo ha redarguito pubblicamente: "Mi ha sconvolto il suo comportamento dicendo che non c'era con la testa, a saperlo avremmo preso uno o due gol in meno col Wolverhampton. Ho detto a inizio mercato che tengo tutti i giocatori e così farò, quindi Nkoulou rimane con noi. Avrà pure altre idee ma ha un contratto con noi". 

Per poi aggiungere: "La Roma non può contattare i nostri giocatori perché c'è un impegno scritto e per ogni contatto che hanno con i nostri giocatori devono pagare una penale di 900 mila euro".

Non è tardata la replica del club: "In merito alle dichiarazioni del presidente del Torino FC Urbano Cairo, riportate da alcuni organi di stampa, la Roma precisa di non aver mai contattato alcun calciatore del Torino e di non essere interessata ad alcun tesserato della società granata".

Oltre alla penale da 900mila euro, la Roma ha un accordo biennale scritto sempre col Torino per cui dopo aver preso Petrachi non può acquistare giocatori dai granata. Ecco quindi che da oggi riprenderanno i contatti con la Juve per Daniele Rugani. Le alternative restano Verissimo del Santos, Dejan Lovren del Liverpool e Shkodran Mustafi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale a Roma, bomba d'acqua sulla città: tre stazioni metro chiuse. Strade allagate

  • Sciopero a Roma: lunedì a rischio tram, metro e bus. Gli orari

  • Tragedia a Ostia, muore bimbo di 11 anni: si era sentito male a scuola

  • Palazzina a rischio crollo: evacuate 24 famiglie a Ciampino

  • Weekend dell'Immacolata a Roma: che fare sabato 7 e domenica 8 dicembre

  • Ostia piange Simone, il bimbo di 11 anni morto dopo un malore a scuola. Indaga il Pm

Torna su
RomaToday è in caricamento