rotate-mobile
Giovedì, 25 Aprile 2024
Calcio

Crespi, il vice Immobile cresce a Formello?

Nella Lazio Primavera spiccano le prestazioni di Valerio Crespi attaccante romano e tifoso laziale classe 2004. L'infortunio di Immobile apre le porte all'ingresso in prima squadra del giovane attaccante?

L’infortunio di Immobile ha riaperto il caso attaccante di scorta in casa Lazio. La scelta a gennaio di puntare su un terzino (Pellegrini, ndr) ancora alla ricerca dell’esordio e non su un vice Immobile sta presentando il conto. Intanto a Formello cresce Valerio Crespi, attaccante dalle belle speranze della Primavera laziale. 

Senza Immobile, c’è Felipe Anderson

Con l’infortunio di Ciro Immobile il ruolo di centravanti è stato affidato nuovamente a Felipe Anderson. Il brasiliano non è una prima punta e si vede, e fa del suo meglio per adattarsi ad un ruolo non suo. Da centravanti l’ex West Ham ha messo a segno 4 reti, fra cui quello che decise il derby di andata, ma senza il suo capitano la Lazio perde tanto. E si è visto contro l’AZ dove la squadra di Sarri ha sprecato diverse palle alcune clamorose proprio con Felipe Anderson a cui manca il killer instinct di Immobile. 

Occasione Crespi?

L’infortunio di Immobile potrebbe aprire nuove strade a Formello. In casa Lazio sta crescendo a suon di gol Valerio Crespi, attaccante classe 2004 della Primavera biancoceleste. Centravanti mancino, fisico vecchia scuola Crespi è il leader assoluto della Lazio (Primavera 2) con cui ha segnato 38 gol nelle ultime due stagioni (21 lo scorso anno, 17 nella stagione in corso). Scartato dalla Roma, Crespi sta attirando su di sé diversi riflettori. Romano e tifoso della Lazio, Crespi è legato ai biancocelesti fino al 2024. Crespi non può essere la panacea di tutti i mali della Lazio ma il suo inserimento in prima squadra può diventare un’occasione importante di crescita per il ragazzo che può imparare il mestiere da un bomber navigato come Immobile ma anche per la Lazio che potrebbe coltivare tra i grandi un giovane talento e avere una possibilità di scelta in più in attacco per far tirare il fiato ai titolari. 

Sarri e giovani 

Il perché Crespi non sia ancora nel giro della prima squadra va ricercato nel rapporto di Sarri con i giovani. Al contrario del collega Mourinho che fa di necessità virtù puntando sui giovani in situazioni di emergenza, il tecnico laziale cerca l’usato sicuro e difficilmente si fida dei giovani. Su questa linea si vede l’utilizzo di Cancellieri (anche se il giocatore con le sue prestazioni non ha messo in difficoltà l’allenatore) ma soprattutto Romero beniamino dei tifosi e che ha realizzato il gol vittoria contro il Monza. L’argentino, che sta discutendo il rinnovo, dopo aver trovato spazio con tanto di presenze dal 1’ in partite importanti vedi a Torino contro la Juventus e rifinito in fondo alle gerarchie del tecnico. Questo ostruzionismo di Sarri verso i giovani blocca pure l’inserimento di Crespi in prima squadra. Proprio sull’attaccante della Primavera ha parlato Sarri a gennaio nel post Lazio-Bologna di Coppa Italia: “Passare dalla Primavera 2 alla Serie A non è semplice. Il ragazzo ogni tanto si allena con noi, ma ha bisogno di un percorso”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crespi, il vice Immobile cresce a Formello?

RomaToday è in caricamento