rotate-mobile
Calcio

"Con la Curva Nord non si scherza": gli Ultras della Lazio contro il "Palazzo"

Continuano le polemiche post Lazio-Napoli. Dopo il deferimento di Sarri e il comunicato del club capitolino, oggi la Curva Nord alza la voce in difesa dei colori biancocelesti

La Lazio questa sera giocherà la sua prima partia del girone F di Europa League contro il Feyenoord (trasferta vietata ai tifosi olandesi). Ad animare il popolo laziale però non c'è solo la sfida contro la squadra di Rotterdam ma anche gli strascichi di Lazio-Napoli. Infatti gli Ultras biancocelesti tramite un comunicato si schierano a difesa della Lazio e del tecnico Sarri: "Con la Curva Nord non si scherza". 

Il post Lazio-Napoli

La sconfitta contro il Napoli non è andata giù a tutto l'ambiente Lazio. Il mancato rigore fischiato a Lazzari (sul risultato di due a uno per i partenopei), ma anche il contatto Kim e Luis Alberto in occasione del pareggio del Napoli sono stati i due elementi principali che hanno fatto andare su tutte le furie Sarri. Il tecnico nell'agitato post partita si è scagliato l'arbitro Sozza e l'AIA e questo ne ha portato il deferimento con tanto di indagine aperta. Inoltre è arrivata la squalifica pure a Danilo Cataldi, non espulso durante i 90 minuti, ma per blasfemia. Nel day after Lazio-Napoli, il club capitolino ha alzato la voce con un comunicato ufficiale, a cui oggi fa seguito quello della Curva Nord. 

Il comunicato della Curva Nord

La Curva Nord non ci sta. La parte più calda del tifo biancoceleste infatti scende in campo in difesa del tecnico e della Lazio contro il "palazzo". Ecco il comunicato degli Ultras biancocelesti: "Visto l'andazzo di quest'inizio di stagione, prevenire è meglio che curare. Se qualcuno, tra dirigenti federali, arbitri e signori "cari" del palazzo si fosse messo in testa di colpire e penalizzare la Lazio, dovrà inevitabilmente rivedere i propri piani. Con la Curva Nord non si scherza, con i tifosi laziali questi giochetti non funzionano. Lo abbiamo già dimostrato in passato, bloccando la cessione di Signori, prendendoci con le unghie NOI uno scudetto che avevano deciso di rubarci per il secondo anno consecutivo. Ed ancora evitando il fallimento del club e in tante altre occasioni. Il laziale non subisce prepotenze ed è pronto a scendere in piazza anche stavolta. Quello che è successo contro il Napoli, con il successivo deferimento di Sarri e la squalifica di Cataldi, non sono certo decisioni casuali e non saranno sicuramente le ultime. Da oggi saremo attenti a tutto, alle vostre porcherie, alle vostre trame. Essere odiati per noi è e sarò sempre una medaglia gigante sul petto. E allora, intanto trasformiamo lo stadio Olimpico in una bolgia ad ogni partita a partire da oggi, una Curva Nord in un inferno sportivo per qualunque avversario e per qualunque arbitro arrivi qui, facendo passare loro la voglia di ammonire solo e soltanto i nostri giocatori e di non fischiare rigori solari. Noi il nostro campionato lo vogliamo giocare, ad armi pari. Poi sarà il campo a parlare e non gli arbitri. Il ruggito della Nord sarà il tuo motore. Avanti Lazio". 

comunicato curva nord-4

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Con la Curva Nord non si scherza": gli Ultras della Lazio contro il "Palazzo"

RomaToday è in caricamento