rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Calcio

Edoardo il tifoso della Roma malato "ma non terminale": "L'ho detto perché mi faceva ridere"

L'agenzia di stampa Adnkronos conferma l'esistenza del fan giallorosso che ha commosso anche De Rossi ma la sua malattia sarebbe una bufala

Edoardo ha trollato tutti. Questo è quanto rivela l'Adnkronos, agenzia di stampa che conferma l’esistenza del ragazzo ma smentisce la sua malattia e il suo appuntamento per il suicidio assistito in Svizzera che aveva commosso, non solo il mondo Roma, ma tutto il panorama calcistico. La stessa agenzia riporta anche le parole e la spiegazione del diretto interessato. 

L’annuncio di Edoardo

Intervenuto a Roma Tele Stereo, il fantomatico tifoso della Roma avrebbe annunciato la sua malattia terminale e l’appuntamento per l’eutanasia fissato proprio il giorno della finale di Europa League. “Se c’è una cosa che vorrei, anche se è l’ultima…Ho fatto tutto quello che potevo fare, ma se c’è una cosa che vorrei è sta ca**o di coppa del ca**o” – aveva detto Edoardo in radio. La sua storia ha commosso tutto e la stessa Roma come confermato da De Rossi nella conferenza stampa di vigilia di Roma-Milan lo stava cercando. Queste le parole di DDR: “Questa cosa ci ha toccato particolarmente, la società sta cercando un modo di rintracciare questo ragazzo per cercare di fare quello che gli possa far piacere. Non riusciamo a rintracciarlo, se avesse voglia di contattarci saremmo felici”.

I dubbi 

Nonostante l’appello di De Rossi, Edoardo non si trova. Questo ha alimentato dei dubbi che Adkronos conferma e spiega. “Edoardo (il suo vero nome), è proprio difficile che voglia farsi trovare. Perché si è inventato tutto” – svela l’agenzia di stampa. E ora sarebbe costretto a spiegare il motivo di tutto questo. La verità è che Edoardo non è disperato come racconta in radio: è vero che possiede dei cani (come ha raccontato alla radio). Ma ha anche tanto altro. A quanto risulta all'Adnkronos, ha una moglie con la quale si è sposato neanche un anno fa, una donna erede di una ricca e famosissima famiglia”. Secondo l’agenzia il ragazzo si sarebbe inventato tutto e il motivo sarebbe da trovare in uno scherzo (di pessimo gusto, ndr). 

Parla Edoardo

Svelata la fake news, l'AdnKronos poco dopo ha pubblicato un'intervista a Edoardo, malato sì, ma non terminale. "Viviamo in una società in cui se stai  male devi piangere e piangerti addosso. Se agli altri appari come uno che ride, che scherza, allora non può essere vero che soffri. Se uno sbaglio l'ho fatto è che ho definito 'terminale' la mia malattia, anche se poi mi sono corretto, per fortuna. La mia non è una malattia terminale ma comunque è cronica e incurabile. Ci convivo da anni e ho iniziato una cura sperimentale che mi costringe ad andare fuori Italia. Però in Svizzera al momento non vado...". 

"Il fine vita?", continua Edoardo all'AdnKronos, "E' un pensiero per me estremamente rilassante, per questo l'ho citato. Io tengo duro per i miei affetti, per mia moglie, ma con questa malattia cronica che mi distrugge la vita quotidiana, con il medico che mi ha sempre assistito e operato e mi ha detto che non c'è nulla da fare... ecco, viene da pensarci".

Per Edoardo "la riservatezza è una dote essenziale". "Quello che ho - racconta - lo sanno i miei genitori, due dei miei amici più cari e mia moglie, che perfino l'anno scorso, quando ci siamo sposati, mi ha curato amorevolmente al bagno all'oscuro degli invitati, naturalmente ignari di tutto. Quella telefonata alla radio, che mai avrei pensato avrebbe suscitato tanto scalpore, l'ho fatta perché mi faceva ridere   che, pur in una situazione dolorosissima, il mio pensiero fosse sempre alla Roma, come pure oggi. Io scherzo sempre, la leggerezza mi aiuta. Per questo tanti amici che hanno sentito il mio intervento in diretta alla radio mi hanno preso per pazzo, riconoscendo la mia voce. Mi hanno chiamato in tanti, increduli di cosa nascondo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Edoardo il tifoso della Roma malato "ma non terminale": "L'ho detto perché mi faceva ridere"

RomaToday è in caricamento