rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Calcio

Conference League: il focus sul Cluj avversario della Lazio

La Lazio affronterà ai sedicesimi di Conference League il Cluj. Nella formazione rumena allenata dall'ex Chelsea Petrescu presenti l'ex Udinese Scuffet e l'ex Bologna Mbaye

La Lazio dopo essere stata sconfitta dal Feyenoord, a febbraio comincerà il suo percorso in Conference League. Nella terza competizione per club Uefa, vinta dalla Roma lo scorso anno, i biancocelesti ai sedicesimi sfideranno il Cluj. Così è stato deciso nei sorteggi di Nyon.

Cluj, il percorso europeo

Il Cluj è una squadra rumeno che da cinque anni vince ininterottamente il campionato in patria, attualmente terza in classifica. Il Cluj ha iniziato la sua stagione europea a luglio col secondo turno di qualificazione di Conference League (dopo aver fallito lo spareggio Champions League) Nella fase a gironi la formazione rumena si è classificata seconda alle spalle del Sivasspor. Lazio e Cluj si sfideranno nel doppio confronto il 16 febbraio allo Stadio Olimpico e il 23 febbraio al Constantin Rădulescu Cluj-Napoca (capienza 23.500 spettatori).

Cluj, la formazione

Allenatore dei rumeni è l'ex conoscenza della Serie A Dan Petrescu (classe 1967) che negli ai primi anni '90 ha giocato nel Foggia e nel Genoa per poi militare al Chelsea. Quella sulla panchina del Cluj è la sua terza avventura da tecnico della formazione rumena dopo le stagioni 2017/2018 e 2019/2020. Nel 4-3-3 o 4-2-3-1 di Petrescu in porta c'è spazio per l'italiano Scuffet. L'ex bella promessa del calcio azzurro infatti dopo tanti prestiti è approdato in Romania in estate diventato il portiere titolare del club. In rosa presente anche l'ex Bologna Mbaye e l'esperto Deac, esterno offensivo di 36 anni autore di 5 gol e 9 assist in questa stagione. 

Lazio-Cluj, i precedenti

Quello dei sedicesimi di Conference League non sarà il primo incrocio fra biancocelesti e rumeni. Le due squadre infatti si sono incontrate nella stagione 2019/2020 nella fase ai gironi di Europa League. Il bilancio parla di una vittoria a testa. Il Cluj vinse in casa per due a uno, mentre la Lazio trionfò all'Olimpico per uno a zero gol di Correa. La Lazio chiuse quel girone al terzo posto proprio alle spalle del Cluj, che sancì l'eliminazione dalla competizione da parte della formazione biancoceleste allenata all'epoca da Inzaghi. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conference League: il focus sul Cluj avversario della Lazio

RomaToday è in caricamento