Giovedì, 17 Giugno 2021
Sport

Non si gioca a Cagliari: problemi di ordine pubblico. La Roma fa ricorso

Lo ha deciso questa notte il prefetto di Cagliari al termine di un lunga riunione convocata al seguito della decisione della società rosso blu di far entrare il pubblico allo stadio Is Arenas nonostante il divieto

Si doveva giocare a porte chiuse e invece niente. Cagliari-Roma è stata rinviata per motivi di ordine pubblico. Lo ha deciso questa notte il prefetto di Cagliari Giovanni Balsamo al termine di un lunga riunione convocata al seguito della decisione della società rosso blu di far entrare il pubblico allo stadio Is Arenas nonostante il divieto. 

IL PREFETTO - Balsamo ai microfoni di Sky Sport ha spiegato i motivi della decisione: "L'annuncio del Cagliari ha modificato l'equilibrio che si era trovato. Il provvedimento così è diventato inevitabile. Devo manifestare rammarico per le parole del presidente Cellino. Non so spiegarmi e non sono in grado di commentare le parole del presidente del Cagliari. La valutazione è in fase avanzata, alcuni aspetti sono chiusi altri erano ancora da valutare. Sarebbe stato assurdo fare venire i tifosi senza poterli far entrare. A me dispiace. Si è perso del tempo prezioso su dove fare lo stadio, è così, ma naturalmente non sono in grado di giudicarlo". 

CELLINO CONTRO TUTTI - La situazione dello stadio a Cagliari continua ad inasprirsi, e la nota mandata ieri dal presidente Massimo Cellino non ha di certo aiutato a migliorarla. Il presidente del Caglairi invitava i tifosi in possesso di abbonamenti e biglietti, di recarsi comunque allo stadio, anche solo all'esterno, e farsi sentire, perché in situazioni complicate, ha pensato il presidente rossoblù, certi tifosi è meglio tenerli dentro lo stadio che non fuori. Di certo per Cellino e per il Cagliari si prevedono conseguenze disciplinari che possono andare da uno 0-3 a tavolino, fino ad una penalizzazione in classifica. La decisione è arrivata verso l'una di notte. 

 ZEMAN E BALDINI - "Queste sono cose che succedono solo in Italia. Se ci sono delle regole vanno rispettate - ha spiegato il tecnico boemo Zdenek Zeman -. E' una questione culturale. Ma la cose più difficile è stato spiegare l'accaduto ai giocatori stranieri". Intanto è in corso un vertice a Trigoria per stabilire il da farsi e diffondere una nota ufficiale. Franco Baldini appena sceso dall'aereo si è detto sconcertato per ciò che è successo.

IL REGOLAMENTO - Il regolamento, dice che, la società "ritenuta responsabile, anche oggettivamente, di fatti o situazioni che abbiano influito sul regolare svolgimento di una gara o che ne abbiano impedito la regolare effettuazione, è punita con la perdita della gara stessa con il punteggio di 0-3". Nel frattempo, dopo la decisione di rinviare Cagliari-Roma, valida per la quarta giornata di campionato di Serie A, la squadra giallorossa è tornata nella capitale e il tecnico Zdenek Zeman ha fissato per domani la ripresa del lavoro con una doppia seduta.
 
LA SOCIETA' - La Roma presenta reclamo e chiede la vittoria per 0-3 a tavolino, dopo il rinvio della gara a Cagliari. "La Roma intende tutelare non soltanto, come è ovvio che sia, i propri interessi e quelli dei propri tifosi, ma allo stesso tempo vuole proteggere quello che è un principio sacrosanto, cioè che le competizioni si debbano svolgere nel rispetto di regole che sono oggettive e che in nessun caso possono essere piegate ad esigenze soggettive". È quanto dichiara il direttore generale della As Roma, Franco Baldini, in merito al rinvio deciso dalla Prefettura della gara di campionato tra i giallorossi e il Cagliari.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non si gioca a Cagliari: problemi di ordine pubblico. La Roma fa ricorso

RomaToday è in caricamento