Sport

Rimonta della Roma a Cagliari: Perrotta e Totti strappano il pari

Sotto di due gol, la squadra di Spalletti tira fuori carattere e orgoglio rimontando il passivo e conquistando un 2-2 importante in chiave Uefa

La Roma esce indenne dal Sant’Elia strappando un punto in casa di un ottimo Cagliari e restando al sesto posto in classifica, due punti sopra al Palermo uscito sconfitto dalla trasferta di Siena. Il tecnico giallorosso Spalletti torna al 4-3-1-2 con Pizarro vertice alto del rombo composto da De Rossi, Brighi e Taddei a supportare le due punte Totti e Vucinic. In difesa Cassetti e Tonetto agiscono sugli esterni con Mexes e Panucci centrali davanti ad Arthur. Allegri nel Cagliari schiera Matri e Jeda con Cossu a supporto e i fatti danno ragione al tecnico dei sardi: i padroni di casa passano in vantaggio al 34’ sfruttando con il colpo di testa dell’acciaccato Matri un bel cross di Cossu.

La punta segna prima di lasciare il posto a Robert Acquafresca che siglerà il 2-0 al 57’ su passaggio di Fini. La squadra giallorossa si scuote e raggiunge il pareggio nel giro di cinque minuti: prima al 63’ Totti accorcia le distanze e poi al 68’ il neoentrato Perrotta sigla il 2-2 riaprendo di fatto il match che però resta fermo sul risultato di parità.

Il tecnico giallorosso Spalletti commenta così a fine gara l’esito del match su ‘Sky’: “La squadra ha fatto vedere di avere un cuore molto sano, di avere carattere e ancora forza da mettere in campo. Andrebbe gestito l'arco del campionato in funzione della lunghezza della stagione ma la cosa si può fare e va messa davanti ai vantaggi di arrivare in una posizione rispettosa se si va a valutare bene ciò che ci è successo in questa stagione.

L’anno prossimo? Sarà un problema di tutti. La storia è semplice, le cose vanno dette al momento giusto e questo è il momento di pensare alla posizione in classifica, altrimenti rischiamo di buttare via tutto se sbagliamo queste ultime partite. Ma il segnale lanciato dai ragazzi è chiaro e li ringrazio Io, comunque, ho fatto al di sotto di quelle che sono le possibilità della Roma e ho più colpa di tutti. Questa è la verità e la base di partenza.

Se la squadra non è arrivata quarta soprattutto io ne sono responsabile, ma quando dicevo che se non avessimo centrato questo obiettivo sarebbe stata un'annata fallimentare speravo che alcune cose migliorassero strada facendo. Soprattutto per quanto riguarda alcuni calciatori”.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimonta della Roma a Cagliari: Perrotta e Totti strappano il pari

RomaToday è in caricamento