menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nella foto Michael Magnesi festeggia il titolo con il promotor Davide Bucioni

Nella foto Michael Magnesi festeggia il titolo con il promotor Davide Bucioni

Sport, Magnesi vince il titolo mondiale: “Ora siamo nell’Olimpo della boxe”

Il pugile di Cave ha sconfitto lo sfidante al titolo mondiale IBO. Davide Buccioni (BBT Production): “E’ un trampolino importante per un pugile davvero molto forte”

Torna in Italia un titolo mondiale di pugilato. Michael “Lonewolf” Magnesi, nella nottata di venerdì 27 novembre, ha battuto per KO, alla quinta ripresa, lo sfidante al titolo mondiale IBO.

Il match

In un palazzetto senza pubblico, nel rispetto delle norme legate al nuovo Coronavirus, Magnesi ha dimostrato di avere un totale controllo della situazione. Ha boxato alla corta distanza, com’è nel suo stile, sempre al centro del quadrato, ed ha mandato al tappeto l’avversario con un gancio destro chirurgico, sul finire del quinto round. Nella notte che ha preceduto il ritorno di due vecchie leggende come Mike Tyson e Roy Jonres Jr., nel palazzo dello sport di Fondi si è visto un confronto vero. Vinto, per la quinta volta consecutiva prima del limite, dal pugile di Cave.

Il colpo del KO

“Kinigamazi (32-3-0-) è un pugile forte, se qualcuno ha avuto dubbi per la sua prestazione, è solo perchè non gli ho concesso il tempo per organizzare la sua strategia” ha commentato Magnesi, raggiunto telefonicamente da Romatoday. Sul colpo del ko, il boxer di Cave ha spiegato che “Erano quattro mesi che, con il mio maestro Mario Massai, provavo quella combinazione. Aveva avuto un paio di volte esito positivo, con gli sparring. Ma avevo dei dubbi che potesse funzionare anche in combattimento”. Ed invece è stata decisiva per consentirgli di sconfiggere il trentasettenne ruandese. 

Un pugile dal pugno pesante

L’esperto pugile africano, residente in Svizzera, ha fatto quanto era nelle suo corde per non soccombere alla superiorità del suo avversario. Ma ha avuto la meglio la potenza dei colpi di Magnesi. Un boxer che, nel suo ranking, vanta 18 vittorie di cui 10 prima del limite. Un dato tutt’altro che da sottovalutare per un superpiuma. “Magnesi è davvero un ottimo pugile. Negli ultimi cinque incontri si è trovato davanti avversari esperti, che avevano anche combattuto e talvolta vinto un titolo mondiale, ma sono andati KO” ha commentato il promoter Davide Buccioni.  Con la sua BBT Production ha già conquistato due titoli del mondo. Prima con Giovanni De Carolis, ora con Micheal Magnesi.

Nell'Olimpo della boxe

In un periodo complicato, per l'assenza di pubblico e quindi degli incassi derivanti dalla vendita dei biglietti, è stato centrato un obiettivo che mancava da tempo nel panorama pugilistico italiano. “Ora siamo tornati nell’Olimpo della boxe. Per Michael sarà un importantissimo trampolino di lancio. Ed a chi dice che la IBO è un titolo minore, rispondo che ce l’ha Golovkin e ce l’hanno avuta anche Pacquiao, Joshua e lo stesso Tyson”. Adesso stringe la vita di un pugile romano. L’unico, in Italia, a poter vantare un titolo iridato.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Notizie

Blocco traffico a Roma: domenica 24 gennaio niente auto nella fascia verde

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

  • De Magna e beve

    12 "vizi" artigianali: nuovo regno del tiramisù apre a Roma

  • De Magna e beve

    Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento