Bellegra calcio, Sancamillo: "Sconfitta immeritata col Giardinetti Garbatella"

Ha sfiorato l’impresa la Prima categoria del Bellegra, ma alla fine il Giardinetti Garbatella si è imposto per 1-0

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Bellegra (Rm) – Ha sfiorato l’impresa la Prima categoria del Bellegra, ma alla fine il Giardinetti Garbatella si è imposto per 1-0 sul campo della squadra del presidente Marco Cilia. «Un peccato per il risultato, avremmo decisamente meritato di più – dice Ubaldo Sancamillo, centrocampista classe 1983 e capitano del Bellegra – Soprattutto nel primo tempo abbiamo fatto una grande prestazione, ci è mancato solo di concretizzare le opportunità create. Poi siamo rimasti in inferiorità numerica per l’espulsione di Romani e nella prima parte del secondo tempo abbiamo subito il gol decisivo viziato da un chiaro fallo di mano. A quel punto l’arbitro ha espulso per proteste anche il nostro Battisti, ma anche in nove abbiamo tenuto abbastanza bene il campo». La prestazione con la seconda della classe, nonostante il risultato negativo, può dare coraggio al Bellegra secondo il capitano. «E’ la conferma che possiamo giocarcela anche con le migliori squadre del girone. Ora arrivano tre partite fondamentali in cui dovremo fare i punti necessari per affrontare serenamente il finale di campionato e purtroppo la prima di queste dovremo affrontarla facendo i conti con qualche assenza per squalifica». Domenica il Bellegra giocherà ancora in casa con la Nuova Paliano, poi la sfida sul campo del fanalino di coda Borghesiana e infine la chiusura del trittico di nuovo tra le mura amiche con lo Sporting Torbellamonaca: tutte gare con squadre in lotta per evitare retrocessione diretta o play out. «Coi compagni ci diciamo sempre che, lottando assieme, tutti gli obiettivi sono possibili». Il capitano ha speso un’intera vita calcistica per il Bellegra. «Ho giocato solo un anno fuori dal mio paese, quello in cui ho vestito la maglia dell’Affile. Futuro? Vedremo cosa accadrà a fine stagione, l’età inizia a farsi sentire» sorride Sancamillo che poi spende parole importanti per il presidente Cilia. «Non mi aspettavo che tenesse così tanto al club di questa cittadina, anche se so che una parte della sua famiglia è di Bellegra. E’ un presidente giovane e con tanta voglia di fare, ha ambizioni importanti e gli auguro di poter portare la squadra della nostra città ancora più in alto. E’ chiaro che, per arrivare in Promozione, bisognerà rinforzare ancor di più la rosa perché il campionato di Prima categoria è sempre molto complicato».

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento