Atletico Morena, che entusiasmo intorno alla Seconda

Nasce un gruppo di tifosi organizzati

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Il lavoro della famiglia Fabrizi sta dando il suo frutto. I patron dell'Atletico Morena, Enzo e Mauro Fabrizi, possono davvero sorridere per come procede il loro progetto sportivo nel quartiere ai confini tra il territorio capitolino e i Castelli Romani. L'entusiasmo che sta creando la prima squadra, capace di vincere il campionato di Terza categoria nella scorsa stagione e di essere attualmente al comando di quello di Seconda, trova riscontro tangibile in una splendida iniziativa che sta per diventare realtà. A breve, probabilmente già a partire dalla prima gara casalinga dopo la sosta col Futura del prossimo 23 febbraio, la prima squadra dell'Atletico Morena potrebbe avere un gruppetto di tifosi organizzati a sostenerla (almeno) fino alla fine della stagione. Fabiano e Federico sono due dei ragazzi che hanno promosso questa iniziativa e ne spiegano gli sviluppi. «Il nome del gruppo - dicono - sarà "East End", al quale possono essere attribuiti più significati e che per questo è piaciuto a tutti i nostri membri. Al momento il "nucleo stretto" è formato da 6-7 ragazzi, non escludiamo però di poter superare spesso le 10 unità. L'obiettivo è quello di coinvolgere sempre più giovani e ragazzi del quartiere, il nostro gruppo è aperto a tutti». L'intenzione è quella di essere sempre al fianco dei ragazzi di Aquilanti. «Nonostante l'età media dei ragazzi che compongono il nostro gruppo sia molto bassa e potremmo avere di volta in volta dei problemi logistici, abbiamo la ferma intenzione di seguire l'Atletico anche in trasferta, e ci riusciremo». Fabiano svela, poi, come sia nata questa bella iniziativa. «È paradossale pensare che l'idea del gruppo organizzato sia venuta da un ragazzo che seguiva la squadra lo scorso anno, ma che ora non sarà con noi perché per motivi di studio ha lasciato Roma. Ha però lasciato quest'idea interessante a me, che l'ho subito proposta ad altri amici, e molti di loro hanno aderito subito. Siamo tutti ragazzi che nel proprio piccolo hanno esperienza di stadio o di tifo, io personalmente sono anche molto legato al quartiere di Morena, quindi la voglia di iniziare è tanta». Il principio che muove il gruppo degli "East End" è presto spiegato. «Il nostro obiettivo è semplicemente quello di non lasciare mai soli i ragazzi in campo e di spingerli fino alla vittoria - dicono Fabiano e Federico -. Vogliamo accrescere il più possibile il numero di ragazzi e invogliarli a cantare con noi ogni domenica, all'insegna dei valori dell'amicizia e della passione».

Torna su
RomaToday è in caricamento