Atl. Morena calcio, Ticconi: "La società vuole fortemente la salvezza"

All'Ariola la Cavese si è imposta con un netto 4-0 al termine di una gara che non è quasi mai stata in discussione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Roma - Era una gara "fuori portata" e l'Atletico Morena, con mister Fabio Branchini di nuovo in panchina, non è riuscito a fare l'impresa. All'Ariola la Cavese si è imposta con un netto 4-0 al termine di una gara che non è quasi mai stata in discussione. «C'è poco da raccontare - riassume velocemente Simone Ticconi, uno degli ultimi arrivati in casa capitolina - L'avversario si è dimostrato superiore e già nel primo tempo ha chiuso la sfida in vantaggio per 2-0, per poi raddoppiare il bottino nella ripresa. D'altronde loro hanno costruito una formazione fortissima tra l'altro recentemente rinforzata con gente del calibro di Pascucci e Empoli». Non sono certamente queste le gare in cui l'Atletico Morena deve provare a fare punti utili per la lotta salvezza, comunque il club capitolino ha chiuso la prima parte di campionato con 15 punti che valgono il momentaneo 14esimo posto in classifica, a tre lunghezze dalla zona salvezza diretta. «Non è una situazione di classifica così drammatica - rimarca Ticconi -, credo che la squadra abbia tutte le potenzialità per ottenere l'obiettivo della permanenza in categoria a maggior ragione se tutto l'ambiente si compatta e lotta per quel traguardo». L'ex difensore del Torrenova, classe 1982, da quando è arrivato all'Atletico Morena sta giocando stabilmente in mezzo al campo. «E' un ruolo che mi è capitato di fare anche in passato, non ho grossi problemi e sono a disposizione del mister e dei miei compagni. Non ho avuto problemi di inserimento perché conoscevo già diversi ragazzi e qui ho trovato un gruppo tranquillo». Ticconi spiega poi il motivo che l'ha portato ad accettare la proposta dell'Atletico Morena. «Ero nauseato dalle ultime esperienze che avevo avuto e infatti all'inizio di questa stagione sono rimasto fermo. Poi ho parlato coi patron Enzo e Mauro Fabrizi ed ho capito che ci tengono tantissimo a salvare la squadra, inoltre questa per me è una soluzione logisticamente buona e così ho firmato per l'Atletico Morena». Il club ha anche ufficializzato il ritorno dell'attaccante Marco Ianni (già protagonista nella seconda parte della scorsa stagione di Prima categoria) che potrà essere disponibile nel mese di gennaio. La squadra capitolina, intanto, preparerà in questi giorni di festa l'altra durissima sfida del prossimo 8 gennaio contro il Sermoneta terzo della classe.

Torna su
RomaToday è in caricamento