Sport

La Roma domina l'Aris: Osvaldo, Bradley e Destro piegano i greci

Buona l'ultima amichevole per la Roma di Zeman, 3 a 0 che convince contro i greci dell'Aris Salonicco. In rete Osvaldo, Bradley e Destro. Tanti i cori e gli striscioni dei tifosi per De Rossi, Zeman risponde ad Elkann

La serie A è alle porte e la prova generale della nuova Roma di Zeman contro i greci dell'Aris Salonicco finisce con un secco 3 a 0 che convince tifosi e critica. I giallorossi hanno vinto in un match che li ha visti sostanzialmente dominare i greci davanti a 35.000 tifosi. A segno Osvaldo, Bradley e Destro nella serata del ritorno di Zeman sulla panchina dell'Olimpico dopo 13 anni, ma per i tifosi è soprattutto la serata per blindare De Rossi. Tanti gli striscioni per 'capitan-futuro', osannato dai cori della curva sud: “De Rossi non si tocca” e “Daniè, nun ce lassa”; prima del suo ingresso in campo lo speaker ha urlato “Ha detto sì alla Roma, e ha detto per sempre, e sarà così, nel presente e nel futuro”.

PRIMO TEMPO: I giallorossi partono subito forte, segno che pian piano le gambe reagiscono alla dura preparazione del tecnico boemo, la manovra non è ancora fluida ma si legge una certa intesa tra gli uomini davanti. Totti schierato al fianco di Osvaldo e Nico Lopez è libero di svariare su tutto il fronte d'attacco per entrare nel vivo del gioco.
 
Per la Roma la prima occasione, Bradley cerca il centro dell'area con un tiro-cross che né Lopez né Osvaldo riescono a deviare, l'Aris risponde mettendo Kaznaferis solo davanti a Stekelenburg, bravo a chiudere a ribattere in angolo. Osvaldo trova il vantaggio al 25', destro dal limite su servizio di Pjanic, i giallorossi chiudono il primo tempo in vantaggio.
 
SECONDO TEMPO: La ripresa comincia con un ritmo più basso, un po' per il caldo, che nella capitale è soffocante, un po' perchè è solo un'amichevole e si comincerà a fare sul serio solo tra una settimana nella prima contro il Catania.  L'Aris è comunque poca cosa per la nuova Roma, al 60' escono tra gli applausi Totti e De Rossi  al loro posto Bojan e Florenzi.  Al 72' arriva il raddoppio con Bradley che raccoglie un cross teso di Taddei e supera il portiere.
Poi comincia il festival delle sostituzioni: al 75' arriva il momento di Destro, che entra al posto di Osvaldo. Dentro anche Lobont, Marquinho, e Lamela per Stekelenburg, Pjanic, e Nico Lopez. Il nuovo attaccante giallorosso è la vera speranza per il futuro, si muove bene, convince e all'85' va in rete con la complicità del portiere greco. 
 
ZEMAN - il tecnico a margine della partita ha risposto alle parole di Jonh Elkann: "Le sue parole? Non mi sono offeso, abbiamo opinioni diverse sullo sport, e poi negli ultimi anni penso che loro non abbiano dato esempi positivi".
 
La preparazione è andata bene, la squadra esce imbattuta dal pre-campionato, ora però le amichevoli sono finite, d'ora in poi si fa sul serio, domenica all'Olimpico arriva il Catania è sarà tutta un'altra musica per la nuova Roma targata Zeman.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Roma domina l'Aris: Osvaldo, Bradley e Destro piegano i greci

RomaToday è in caricamento