rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Altro

"Secondo Tempo": la Fondazione SS Lazio porta lo sport alle detenute di Rebibbia

Si chiama "Secondo Tempo" il progetto di sport e inclusione ideato dalla Fondazione SS Lazio 1900 rivolto alle donne detenute a Rebibbia.

La Fondazione S.S. Lazio 1900 ha presentato il progetto "Secondo Tempo" che vedrà le sezioni della Lazio Atletica Leggera e della Lazio Pallavolo organizzare per 6 mesi allenamenti settimanali nella Casa Circondariale femminile di Rebibbia.

Il progetto, finanziato dalla Regione Lazio rientra nell'impegno nel sociale profuso dalla Fondazione e ha come obiettivo introdurre lo sport come elemento della vita delle detenute e come elemento per contribuire a formare una persona nuova. 

La scelta della pallavolo e dell'atletica non è casuale. Infatti con la prima disciplina si impara come sommare le forze e le intelligenze individuali creandone una collettiva nel  gioco di squadra; mentre con la seconda si impara a percepire il miglioramento di sé, frutto di costanza e disciplina. Al "Secondo Tempo" oltre agli allenatori e allo staff tecnico delle due discipline sportive, verrà coinvolto personale per attività di mental training.

Gabriella Bascelli, Presidente della Fondazione spiega come l'idea del progetto si basa sullo sport come un nuova opportunità di vita.  "Il progetto è da intendere come un compagno di vita che le accompagnerà nel secondo tempo della loro giornata, nel secondo tempo del rapporto con sé e con gli altri, ma anche nel secondo tempo della loro vita fuori dal carcere. Lo sport può far comprendere come sia paradigma dell’esistenza stessa: una partita non finisce mai alla prima metà di gioco" afferma Bascelli. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Secondo Tempo": la Fondazione SS Lazio porta lo sport alle detenute di Rebibbia

RomaToday è in caricamento