Alpinismo: incontro aperto con Daniele Nardi a Casa Ronald

Domenica 15 dicembre alle ore 16.30 insieme ad uno dei più grandi scalatori italiani, per parlare di alpinismo, di sport, di impegno

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Fondazione per l'Infanzia Ronald McDonald ha organizzato per domenica 15 dicembre un incontro con Daniele Nardi, per parlare di vette scalate e da scalare, ma anche per raccontare l'importanza dell'impegno e della sfida nella vita. L'incontro si svolgerà alla Casa Ronald di Roma Bellosguardo, una vera e propria "casa lontano da casa" che ospita le famiglie dei piccoli pazienti dell'Ospedale Bambino Gesù del Gianicolo, ed è aperto gratuitamente a tutta la cittadinanza.

L'appuntamento è per domenica 15 dicembre 2013 dalle ore 16.30 a Casa Ronald di Bellosguardo, via degli Aldobrandeschi 3, Roma. L'incontro con Daniele Nardi prevede la presentazione del suo libro "In vetta al mondo", la proiezione del documentario "Il seme della follia fa l'albero della saggezza" che racconta della scalata con cui ha aperto una via nuova a circa 6400m tra il Bhagirathi III e IV (Garhwal, Himalaya, India) e che gli ha consentito di vincere il premio Paolo Consiglio del CAI. Al termine della proiezione, Daniele Nardi racconterà della sua vita di alpinista, di come superare gli ostacoli sia fondamentale per raggiungere la vetta, ma anche di come a volte sia il viaggio la vera meta. Una spinta ad impegnarsi e a superare i propri limiti, ma anche a capire l'importanza e il valore degli ostacoli che si incontrano e si superano lungo il cammino: una metafora della vita in cui tutti possono identificarsi.

Dopo quello di domenica 15 dicembre Casa Ronald Bellosguardo ospiterà diversi incontri con cadenza mensile, con l'obiettivo di aprirsi alla cittadinanza per far conoscere la sua realtà e offrire occasioni di approfondimento utile alle famiglie ospiti e non solo. Per informazioni è possibile consultare il calendario completo sul sito www.fondazioneronald.it oppure sulla pagina Facebook della Casa Ronald Bellosguardo: https://www.facebook.com/#!/pages/Casa-Ronald-Roma-Bellosguardo/117079778397203?fref=ts

 

Daniele Nardi

Daniele Nardi (1976) è originario di Sezze Romano (LT). Nella prima parte della sua carriera alpinistica si dedica a montagne di ottomila metri salendo l'Everest, la cima middle dello Shisha Pangma in 19 ore dal campo base, il Nanga Parbat e il Broad Peak nella stessa estate. La vetta del K2 nel 2007 in due soli giorni e mezzo e la perdita di un amico sulla stessa montagna gli cambiano la vita. Nel 2011 apre una nuova via di 1.200 metri sulla parete del Bhagirathi III, in India, in stile alpino, dedicata a Walter Monatti. Dopo 66 ore consecutive di scalata non raggiunge la vetta ma la salita gli consente di vincere il premio Paolo Consiglio per lo stile pulito con la quale è stata affrontata. Negli ultimi anni Daniele si dedica all'esplorazione di pareti nuove tra Nepal, Pakistan e India. Testimonial sportivo per aziende internazionali, trasforma la montagna in metafora formativa e motivazionale. È ambasciatore dei diritti umani nel mondo e porta avanti progetti di solidarietà in Nepal e Pakistan.

Casa Ronald Bellosguardo

Nata nel 2011, Casa Ronald Bellosguardo è la seconda Casa Ronald ad essere stata aperta in territorio romano e si trova all'interno del parco comunale di Bellosguardo, a soli 8 km dalla sede dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù del Gianicolo. La Casa Ronald McDonald Bellosguardo ospita principalmente le famiglie dei bambini in cura presso i Reparti di Onco-ematologia Pediatrica, di Ematologia e di Oncologia. La Casa, che dispone di 16 stanze, ha accolto quasi 2000 persone dalla sua apertura nel 2011, ed è stata recentemente ristrutturata per migliorare la funzionalità delle aree comuni.

Fondazione per l'Infanzia Ronald McDonald

La Fondazione per l'Infanzia Ronald McDonald è un'associazione non a scopo di lucro nata nel 1974 negli Stati Uniti e nel 1999 in Italia, con l'obiettivo di aiutare i bambini malati e in condizione di disagio ad avere un futuro migliore. La sua attività principale è quella di aprire e gestire le Case Ronald vicino ai principali centri pediatrici in Italia e le Family Room all'interno dei padiglioni pediatrici dei principali ospedali italiani. Alloggi in cui sono ospitate le famiglie dei bambini malati, ricreando una "casa lontano da casa", con tutti i servizi necessari: non solo un letto in cui dormire, ma anche una lavatrice per fare il bucato, un computer per controllare la posta, un'area dove giocare con i propri piccoli e una grande cucina comune dove ritrovarsi e confrontarsi. Spesso i piccoli pazienti, soprattutto quelli cronici o affetti da patologie particolarmente gravi, devono allontanarsi da casa per avere accesso alle cure migliori. Dare loro un luogo "domestico", dove poter essere famiglia nonostante le difficoltà della malattia e dell'ospedalizzazione, è la missione della Fondazione, che ha aperto la prima Casa Ronald McDonald a San Giovanni Rotondo nel 2007. Oggi le Case sono 5: 2 a Roma, una a Brescia e una a Firenze, cui si aggiungono una Family Room all'interno dell'Ospedale S. Orsola di Bologna e una all'interno dell'Ospedale Infantile Cesare Arrigo di Alessandria. Concretamente, nel 2012 Fondazione ha ospitato circa 4.700 persone per un totale di 20.000 pernottamenti. Per maggiori informazioni sulla Fondazione, sulle sue attività e su come sostenerla: www.fondazioneronald.it

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento