rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Sport

Allenatore Lazio, troppi nomi per la panchina: spunta van Gaal

L'olandese, esonerato un anno fa dal Bayern, prendeva in Germania 2,5 milioni all'anno, ma Lotito non è spaventato. Dall'esonero di Reja si è parlato di Zola, Di Matteo, Almeida , Donadoni, poi Fatih Terim e Didier Deschamps

Dopo l'addio (non ancora ufficiale) di Edy Reja la Lazio brancola nel buio alla ricerca del nuovo allenatore. Almeno così sembra. La squadra di Claudio Lotito ancora non ha trovato l'allenatore per la prossima stagione, anzi, secondo diverse indiscrezioni martedì scorso il presidente dei biancocelesti avrebbe ricontattato Reja sperando in un suo ripensamento. La pista Gianfranco Zola è sempre più fredda anche se 'Magic Box' è stato bloccato ormai da tempo ma non convince il direttore sportivo Igli Tare che vorrebbe alla Lazio Roberto Di Matteo ma l'allenatore italiano, fresco di vittoria in Champions League, potrebbe restare un altro anno al Chelsea. Allora avanti il prossimo della lista che è Gian Piero Gasperini che, al momento, sembra il favorito numero uno. 

La margherita da sfogliare però ha ancora tanti altri petali che portano il nome di Walter Zenga (già contattato prima di Davide Ballardini), Matias Almeyda (che vuole restare al River Plate) e Roberto Donadoni (il Parma non vuole lasciarlo andare), fino alle suggestioni di oggi che parlando niente meno di Fatih Terim del Galatasaray e Didier Deschamps dell'Olympique Marsille e Louis van Gaal libero e senza incarico. Il santone olandese è stato contattato dal Liverpool per fare il direttore tecnico, ma lui vuole allenare. L'ipotesi è suggestiva è vero ma l'immaginate un rapporto tra Lotito e van Gaal? Noi no.

 
 
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allenatore Lazio, troppi nomi per la panchina: spunta van Gaal

RomaToday è in caricamento