Roma-Milan 2-1: i giallorossi vincono e convincono con Dzeko e Zaniolo

Il bosniaco segna e domina, l'italiano bacia la maglia dopo il gol: tanti segnali positivi per Fonseca, altrettanti gli errori dei rossoneri che avevano trovato il pareggio con Hernandez

Il big match della nona giornata di Serie A tra Roma e Milan, disputata all'Olimpico, lascia ai padroni di casa ben più dei pur preziosi tre punti in classifica: il ritorno in buona condizione di uno straripante Dzeko, il gol con dichiarazione d'amore di Zaniolo (bacio alla maglia), 90 e più minuti ad alto livello di Pastore, la conferma di Mancini come mediano, il buon esordio di Cetin.

Sul "caso Florenzi" non entrato, l'allenatore della Roma Fonseca ha commentato: "Ho preferito inserire Santon perché in quel momento necessitavamo di un giocatore più difensivo".

Questo 2-1 (Dzeko, Hernandez, Zaniolo) pone invece altrettanti dubbi ad un Milan che non riesce a valorizzarsi e sbaglia troppo.

Primo Tempo: Poche occasioni, poi Dzeko

Bisogna attendere il 12' per la prima vera occasione della gara: un tiro di Leao da dentro l'area che si spegne di poco fuori dopo un tocco di Pau Lopez (non visto dall'arbitro Orsato che, su consiglio dell'assistente, assegna rimessa dal fondo). Al 16' invece ecco il gol annullato al Milan : Kessie inventa un passaggio filtrante micidiale dalla trequarti, che mette Paquetà solo davanti a Pau Lopez: il brasiliano non sbaglia, ma la rete è annullata per fuorigioco. Un minuto dopo la reazione della Roma con Pastore, che tenta la bordata dalla distanza, ma non trova il bersaglio. Al 28' altro squillo del Milan con Calhanoglu che impegna (poco) Pau Lopez con un tiro da fuor area non potente ma angolato.

Molto più potente ed impegnativo il bolide di Zaniolo che al 35' costringe Donnarumma al calcio d'angolo. Sugli sviluppi del corner arriva il gol della Roma con Edin Dzeko che, defilato sul secondo palo, porta in vantaggio la sua squadra con un colpo di testa dal sicuro esito. Al 41' il primo cartellino giallo della gara: se lo aggiudica Mancini, per un fallo tattico ai danni di Calhanolglu. Ma la Roma è scatenata: altra ripartenza che permette a Pastore di calciare da ottima posizione. Il tiro è solo forte e Donnarumma lo respinge in calcio d'angolo.

Secondo Tempo: Dominio giallorosso e Milan ko

Nessun cambio e si riprende. La Roma, come nel finale del primo tempo, è arrembante e al 48' Musacchio viene ammonito dall'arbitro per aver fermato irregolarmente Perotti. La punizione seguente, da posizione centrale appena fuori la lunetta dell'area, è perfetta per Kolarov, ma il tiro viene deviato in clacio d'angolo. Anche dal corner i gialorossi rischiano di trovare il raddoppio con un colpo di testa di Smalling che invece va fuori. Al 52' il primo cambio per il Milan: fuori Conti, dentro Calabria. E al 53' risponde la Roma: esce Perotti per far spazio ad Antonucci.

Il Milan risorge improvvisamente al 55': cross dalla destra di Calabria, Hernandez non è marcato, ha tempo di stoppare, coordinarsi e tirare. Smalling devia e la palla finisce in rete alle spalle di Pau Lopez. È 1-1. Al 59' la Roma torna in vantaggio: Calabria perde ingenuamente il pallone nei pressi dela sua area. Dzeko recupera il pallone che con una deviazione arriva a Zaniolo: il giovane talento italiano la piazza con fredezza alle spalle di Donnarumma. Al 63' Pioli manda in campo Piatek al posto di Paqueta e al 64' ammonizione per Biglia per un fallo su Pastore. Al 70' corner per la Roma: Mancini salta da solo e manda incredibilmente la palla fuori di testa. Minuto 72: fuori Biglia per Bennacer. Due minuti dopo ammonizione anche per Calhanoglu per una trattenuta su Antonucci.

Spinazzola lascia il campo per infortunio al 77' e al suo posto entra Cetin, il giovane turco all'esordio in Serie A. È un centrale, ma Fonseca lo sistema sulla destra. Antonucci merita pienamente il cartellino giallo che Orsato gli sventola davanti dopo un brutto intervento su Calabria. Al 79' Pastore segna il terzo gol della Roma, ma anche questo viene annullato per fuorigioco. Al minuto 81 Zaniolo con i crampi, poco prima di lasciare il campo, regala un ultimo brivido agli spettatori. Entra in area e prova a ripiazzarla, ma Donnarumma stavolta non si fa superare e con un grande intervento gli nega la doppietta. E allora Zaniolo si accomoda in panchina per un po' di meritato riposo: al suo posto dentro Santon, quando siamo al minuto 83. Intanto anche Cetin viene ammonito. All'88' il Milan torna pericoloso con Calhanoglu che prova a soprendere Pau Lopez con un destro potente, ma non abbastanza preciso.

Nel primo dei cinque minuti di recupero ennesimo cartellino giallo, stavolta per Kolarov. Un minuto dopo punizione velenosa di Calhanoglu, che si spegne fuori. Ancora brividi per una sortita offensiva di Hernandez sulla sinistra, cross al centro e deviazione provvidenziale di Kolarov. Sulla ripartenza Pastore fa ammonire Romagnoli e guadagna la punzione che permette ai giallorossi di far passare, innocui, gli ultimi secondi di gara. Al termine di questi ultimi Orsato dedica l'ultimo cartellino giallo a Donnarumma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento