Derby Roma-Lazio, il Prefetto e il Questore invitano alla calma

Il Questore di Roma Fulvio Della Rocca spera una gara "all'insegna della civiltà. Il prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro: "Ho mandato una lettera alla Lega e alle societa romane di calcio"

Il prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, a margine del convegno Eurispes sul rapporto 'Roma sicura' ha parlato del derby di Coppa Italia tra Roma e Lazio: "Ho mandato una lettera alla Lega e alle societa romane di calcio. Aspetto la risposta e so che la prossima settimana si riuniranno per decidere. Sono certo che ci sarà buon senso da parte di tutti e troveremo certamente un accordo sulla disputa della partita, sugli orari e sul giorno".

Comunque - aggiunge - l'obiettivo è mettere in sicurezza e fare in modo che la partita si svolga nella massima serenità, soprattutto per gli spettatori e la gente comune. Sono certo - sottolinea Pecoraro - che abbiamo tutti lo stesso obiettivo: che la partita si svolga nella massima serenità. La finale di Coppa Italia è una festa. È la prima volta che Roma e Lazio si incontrano per giocarla, facciamo si che sia una festa. Per questo - conlude Pecoraro - ho chiesto la collaborazione della Lega e delle società".

Il Questore di Roma Fulvio Della Rocca spera una gara "all'insegna della civiltà" spiegando che "certo, se già da oggi escono titoli di giornali che parlano di città blindata, di rischio scontri non andiamo lontani e si aggiungono tensioni che non servono. Nell'ultimo derby non è successo nulla di diverso da quello accaduto nella gara di andata ma è sempre stato tutto sotto controllo. Certamente ci sono persone che prendono a pretesto il calcio. Per questa partita ci deve essere un coinvolgimento della società civile oltre che delle forze dell'ordine per avere una grande festa", ha concluso. 

Dello stesso avviso anche il presidente del Coni, Giovanni Malagò: "Auspico che si faccia tutto come previsto, che sia dia una prova di maturità. La mia è solo un'opinione, chi deve decidere sono i responsabili dell'ordine pubblico ai quali dovremo attenerci - ha infatti ricordato Malagò a margine della prestazione al Foro Italico del Golden Gala 2013 di atletica leggera - Mi auguro però che, anche in considerazione dei fatto avvenuti poche settimane fa, il problema non venga chiuso dentro un cassetto perchè poi si può riproporre, quindi secondo me bisogna aggredirlo. Il mio pensiero però è nel massimo rispetto nei confronti di chi dovrà prendere queste decisioni" ha concluso Malagò. 


 

In Evidenza

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

  • Centro commerciale Maximo, salta l'inaugurazione: le insegne sono coperte e sull'apertura cala il silenzio

  • Coronavirus, ecco perché Roma è messa meglio di altre grandi città: i numeri spiegati dagli esperti

Torna su
RomaToday è in caricamento