rotate-mobile
publisher partner

Malattia psoriasica, una campagna per informare e sensibilizzare su questo tema

Sabato 23 settembre a Roma la tappa della Campagna l’Esperienza al Centro

Molto spesso si pensa che la psoriasi sia soltanto una malattia della pelle, ma c’è molto di più: si tratta una malattia spesso associata a diverse comorbidità che richiedono una gestione consapevole e multidisciplinare. E’ una patologia con un forte carico emotivo e psicologico. La diagnosi tempestiva risulta fondamentale per il decorso della malattia. Pertanto, una corretta informazione è la priorità. Nuovi dati dello studio globale Psoriasis and Beyond rivelano infatti un urgente bisogno di maggior informazione sui legami tra psoriasi, artrite psoriasica e comorbidità comuni. Lo studio, promosso da Novartis, è frutto della collaborazione tra IFPA (la federazione internazionale che raccoglie le associazioni pazienti) e 16 realtà associative nei diversi Paesi. I risultati mostrano che meno di un terzo delle persone che vivono con la malattia psoriasica sono consapevoli del rischio di condizioni associate come malattie cardiovascolari, diabete, depressione e ansia. Inoltre, solo il 29% degli intervistati con psoriasi è consapevole dei legami tra psoriasi e artrite psoriasica.
Tuttavia, il 38% di questo gruppo è risultato essere a rischio di progressione della malattia, utilizzando lo strumento di screening epidemiologico della psoriasi. I dati, raccolti tramite 4.978 interviste a persone provenienti da 20 diversi Paesi, sono stati pubblicati su Dermatology.
Sabato 23 settembre, al Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS arriverà la tappa de “L’Esperienza al centro”, campagna di sensibilizzazione promossa da Novartis, che vuole riportare l’attenzione sulla malattia psoriasica, aiutando i pazienti a riconoscere i primi segni della psoriasi e a cogliere gli eventuali sintomi di coinvolgimento articolare.

Le parole dei medici

Ketty Peris - Professore Ordinario di Dermatologia all'Università Cattolica del Sacro Cuore, sede di Roma; Direttore UOC Dermatologia della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, Roma, ha una volta per tutte chiarito l’identità di questa malattia: “La psoriasi è una malattia infiammatoria cronico-recidivante con un impatto significativo sulla qualità di vita del paziente. Numerosi studi hanno mostrato che la psoriasi cutanea rappresenta la punta dell’iceberg della patologia. Infatti la psoriasi, particolarmente nelle forme gravi, viene attualmente considerata una malattia sistemica che colpisce non solamente la pelle ed è spesso associata a diverse comorbidità come obesità e malattie cardiovascolari, che richiedono una gestione multidisciplinare”.

Dello stesso avviso Maria Antonietta D’agostino, Professore Ordinario di Reumatologia all'Università Cattolica del Sacro Cuore, sede di Roma; Direttore UOC Reumatologia della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS: “Molto spesso alle manifestazioni cutanee della psoriasi (rossore e desquamazione), si aggiungono i sintomi dell’artrite (dolore, rigidità mattutina e gonfiore delle articolazioni). Individuare i sintomi per tempo può fare la differenza: la diagnosi precoce si rivela molto più importante per l’artrite psoriasica che per la psoriasi stessa”.

In definitiva, una macchia sulla pelle può essere la manifestazione superficiale di una malattia che può andare ben oltre le lesioni cutanee.

L’Esperienza al centro: il valore dell’iniziativa

Appuntamento quindi sabato 23 settembre. Per avere tutte le informazioni necessarie e per prendere parte alla Campagna basta andare sul sito della Campagna www.esperienzaalcentro.it

“È fondamentale per chi soffre di malattia psoriasica potersi rivolgere a un centro specializzato per patologia, dove dermatologi e reumatologi collaborano in un approccio sinergico e  multidisciplinare nella gestione del paziente, al fine di una diagnosi precoce e appropriatezza terapeutica sempre più condivisa tra clinico e paziente è sempre più profilata sulla qualità di vita e capacità di aderenza. Collaborazioni e campagne come questa diventano utili per promuovere la corretta informazione, ma anche per creare  rete tra gli stakeholder uniti nella creazione di nuovi strumenti procedurali”, ha dichiarato Sara Severoni, Vice Presidente ANMAR - Associazione Nazionale Malati Reumatici.

L’esperienza al centro è patrocinata dalle principali Associazioni di Pazienti, ANMAR - Associazione Nazionale Malati Reumatici, APMARR- Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e Rare, AMRER - Associazione Malati Reumatici Emilia Romagna APIAFCO – Associazione Psoriasici Italiani Amici della Fondazione Corazza, ADIPSO Odv - Associazione per la difesa degli Psoriasici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

RomaToday è in caricamento