A tutto mondo

Verona: ragazzino di 13 anni insultato e picchiato con spranghe perchè straniero

Ennesimo caso di razzismo in Italia: ragazzino cingalese pestato a sangue da un gruppo di ventenni

Insultato per il colore della pelle. Accerchiato e picchiato con spranghe. E' quello che è capitato a un ragazzino tredicenne a Verona.
Una storia di (stra)ordinario razzismo che avviene nel ricco Nord Est, e che va a sommarsi a un lungo elenco di atti discriminatori avvenuti nell'ultimo periodo in Italia.
Il giovane aveva subito giovedì scorso un'aggressione esclusivamente verbale da un gruppetto di ventenni, che non contenti lo hanno cercato nuovamente il giorno seguente, aspettandolo all'uscita della scuola. Lì si è scatenata la loro violenza anche fisica, in un pestaggio che solo per miracolo non ha avuto conseguenze più gravi di un occhio gonfio e una prognosi di cinque giorni.

I compagni di classe del ragazzo cingalese hanno prontamente chiamato la polizia, ma gli aggressori sono riusciti a dileguarsi. La speranza di risalire a loro è adesso affidata alle telecamere di sorveglianza che avrebbero ripreso parte della scena: né la vittima né i suoi amici avevano infatto mai visto prima di allora i picchiatori razzisti.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona: ragazzino di 13 anni insultato e picchiato con spranghe perchè straniero

RomaToday è in caricamento