A tutto mondo

Pulcini torturati nelle fabbriche che fornivano uova a McDonald's

Un video che testimonia le torture perpetrate nei confronti di pulcini e galline nelle fabbriche che forniscono uova a McDonald's costringe la multinazionale del fast food a dissociarsi

Soffocati in buste di plastica. Brutalmente torturati. Il becco spezzato e costretti in minuscole gabbie. E' questa la vita (e la morte) alla quale sono costretti milioni di pulcini e galline negli stabilimenti di uno dei più grandi produttori di uova americani, la società Sparboe.
Tutto il mondo è venuto a conoscenza delle atrocità che vengono commesse in quelle fabbriche grazie a un video (che potete vedere in fondo all'articolo), messo online da coraggiosi attivisti animalisti, e che ha fatto il giro del mondo. E che ha infine (e fortunatamente) costretto il più grande acquirente delle uova Sparboe, McDonald's, a rescindere il contratto.
“Il comportamento della Sparboe è inquietante e del tutto inaccettabile”, ha dichiarato il vicepresidente di McDonald’s per la sostenibilità Bob Langert.
Una bella notizia, certo, ma siamo sicuri che i prossimi fornitori non torturino pulcini e galline esattamente come la Sparboe? E siamo davvero sicuri che alla McDonald's non sospettassero niente di questi aberranti pratiche?
Chissà perchè tutti si scandalizzano quando le notizie di questo genere riescono a filtrare, ma nessuno fa il ben che minimo controllo prima.
Il dubbio più che legittimo è che McDonald's stia solo volendo salvare la propria immagine da questo scandalo, ma che in realtà nulla gliene importi delle gratuità atrocità commesse contro animali innocenti.

ATTENZIONE: IL VIDEO CONTIENE IMMAGINI DI BRUTALI ATROCITA' CONTRO GLI ANIMALI


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pulcini torturati nelle fabbriche che fornivano uova a McDonald's

RomaToday è in caricamento