A tutto mondo

"Occupy My Throat": film porno girato durante le proteste degli indignados

Una casa produttrice di film porno decide di girare un film per adulti nel luogo delle proteste degli indignados californiani. Ed è subito polemica!

Intorno a loro la protesta e la proposta di un nuovo sistema politico ed economico globale. Ma in una delle tende che gli emuli californiani del movimento "Occupy Wall Street" avevano piantato a Oakland la temperatura era molto alta, e per ben altri motivi.
Una casa di produzione di film pornografici per gay ha infatti scelto il cuore della protesta di Oakland per girare un film gay per adulti, dal titolo emblematico di "Occupy My Throat" (tralasciamo di tradurlo in italiano).
La notizia è trapelata, ed è stata rilanciata dalla CBS e dal notissimo blog "Huffington Blog", provocando una molteplice serie di prese di posizione: ci sono gli entusiasti, che vedono nel film una sorta di documentario storico dell'amore omosessuale ai tempi della crisi, e chi invece è scandalizzato dalla scelta di "profanare" per biechi scopi porno-commerciali la purezza di una protesta da prendere molto sul serio.



L'ispirazione per il film è venuta ai produttori dal ben noto fatto di cronaca che riguarda il giovane Brandon Watts, che ha dichiarato di aver perso la verginità durante le proteste a Zuccotti Park di Occupy Wall Street. Una notizia che era stata accolta perlopiù con un sorriso complice dalla maggioranza degli americani. Ben diverso è però girare un film porno in un luogo pubblico, utilizzando una situazione che ha finalità dichiarate che poco hanno a che vedere con l'erotismo, la pornografia e il sesso.
Il dibattito è aperto: voi come la pensate?


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Occupy My Throat": film porno girato durante le proteste degli indignados

RomaToday è in caricamento