A tutto mondo

Dichiarazioni shock di Chavez: "gli Usa diffondono il cancro tra i leader sudamericani"

Per Hugo Chavez "gli Stati Uniti hanno sviluppato una tecnologia per sviluppare i tumori" e la starebbero usando contro i leader sudamericani

"Gli Stati Uniti hanno sviluppato una tecnologia per far sviluppare i tumori", e "la starebbero applicando contro i leader sudamericani loro avversari". E' questa, in estrema sintesi, l'accusa shock che il presidente venezuelano Hugo Chavez ha lanciato contro gli Usa.
Chavez, che di recente è stato curato per un cancro negli ospedali cubani, ha citato, oltre alla sua, le malattie recenti che hanno colpito la presidentessa argentina Christina Kirchner, il paraguaiano Fernando Lugo, e i due ultimi presidenti brasiliani, Ignazio Lula e Dilma Roussef.

Il leader venezuelano, acerrimo nemico degli Stati Uniti, non è nuovo all'esposizione delle teorie del complotto, ma questa volta sembra veramente aver passato il segno, lanciando un'accusa che, prima che ridicola, appare in ogni caso fantascientifica.
Siamo sicuri che in molti, animati da pregiudizi antiamericani, prenderanno sul serio queste dichiarazioni. Ma forse sarebbe il caso che, parlando di Chavez e delle sue affermazioni, ci si focalizzasse di più sui gravi problemi di democrazia che ha ancora il suo paese, e si smettesse di prendere sul serio il folklore terzomondista del controverso caudillo sudamericano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dichiarazioni shock di Chavez: "gli Usa diffondono il cancro tra i leader sudamericani"

RomaToday è in caricamento