La panchina di Roby, una gelateria nata dal campo di pallavolo

Trentasei gusti più le novità che di tanto in tanto vengono esposte in vetrina. Tra i gusti più particolari c'è la panchina di Rony, il pistacchio di Bronte dop

Figlio di un gelataio, Roberto, che di lavoro ha sempre fatto l'informatico decide qualche anno fa di mettere in piedi un laboratorio tutto suo, proprio qui, in via della Pisana al civico 514. Nasce così, nel 2013, la gelateria "La panchina di Roby".

Un nome insolito, originale, da dove viene? E' proprio Roberto che dopo averci aperto le porte della sua gelateria ci racconta il perché: "Sono dirigente di una squadra di pallavolo e ho chiesto consiglio alle ragazze, loro mi hanno suggerito di chiamarlo così perché essendo dirigente sto sempre in panchina". E una panchina nel negozio di Roberto c'è, dove potersi sedere e gustare comodamente una delle tante prelibatezze esposte in vetrine, comprese le brioche con il gelato.

"Qui siamo in quattro a lavorare, mio padre si occupa di realizzare i gelati ma in sua assenza ci penso io che sto anche alla vendita, insieme ad altre due ragazze nei periodi estivi", spiega Roberto. Aperto tutti i giorni dalle ore 12 alle 23, Roberto offre alla sua clientela dei gusti davvero particolari.

Tra quelli che meritano una nota di rilievo ci sono senza dubbio il pistacchio di Bronte dop, il gusto che richiama il nome della gelateria realizzato con pistacchio, ricotta e scaglie di cioccolato. A richiamare l'attenzione della clientela anche il cioccolato fondente, la menta bianca, la liquirizia. Insomma qui il gelato è davvero per tutti i gusti. In vetrina sono esposte 36 vaschette e oltre alle creme classiche e quelle con i frutti anche alcune novità come il gusto yogurt fatto con miele e noci e altre soprese in arrivo per l'estate. 

Alla panchina di Roby si possono gustare anche le brioche che provengono dalla Sicilia e vengono farcite con il gelato a scelta. Qui anche yogurt. 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
RomaToday è in caricamento