← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

LO SFOGO - Trasporto pubblico da quarto mondo

Piazza di Porta Maggiore · Roma

Caro Sindaco,

ieri ho visto la bella conferenza stampa per tutti i prossimi programmi STRAORDINARI ED ECCEZIONALI previsti in tutto il mese di aprile a Roma. Hai sottolineato l'importanza mondiale di questa città, degli eventi che stanno per accadere.....e hai chiesto la tolleranza e la pazienza di tutti noi cittadini ROMANI.

Caro Sindaco,

tu come tutti i tuoi illustri precedessori parlate bene, dato che NON USATE MAI o quasi i mezzi pubblici (giusto i giri di prova sulle nuove linee, in orari improbabili e dopo bonifiche varie...) , e parlo indistintamente di TRAM, BUS E METRO (inclusa la linea C fantasma). Noi romani tutte le sante mattine, di tutti i santi gg. di tutti i santi mesi e santi anni, senza distinzione di periodo, stagione, anniversari, visite straordinarie, eventi eccezionali, manifestazioni, incidenti e/o altro viaggiamo in condizioni DISPERATE come neanche nel Terzo Mondo conoscono.

Noi la pazienza l'abbiamo finita da tanto troppo tempo.....ogni giorno usciamo di casa ad orari sempre diversi, sperando e confidando di arrivare.......ad una qualunque ora....dove dobbiamo arrivare, casa, uff., scuola etc. ma non avendo la benchè minima idea del tempo che dovremo impiegare. OGNI SANTO GIORNO c'è una eccezionalità che ci fa perdere ogni briciola di pazienza rimasta, se ne è rimasta ancora!

Il servizio publico fa s.c.h.i.f.o., è pessimo, organizzato malissimo e gestino ancora peggio, I cantieri iniziano in contemporanea senza logica tecnica alcuna, e SENZA VEDERE UNA REALE E FINALE conclusione, causando il caos e la disorganizzazione - es. la sostituzione dei binari tranviari a Porta Maggiore con navette sostituite equiparabili a scatole di sardine o ai treni per le deportazioni - . E poi ci sono gli eventi straordinari che a Roma sono praticamente all'ordine del giorno. Ma tu caro Sindaco NON PUOI E NON DEVI pretendere ancora che noi romani pazientiamo ulteriormente. NOI POCHI E SOLITI CRETINI che paghiamo l'abbonamento e/o il biglietto SEMPRE che deve coprire LE MIGLIAIA DI PERSONE STRANIERE ABUSIVE, ILLEGALI ETC che non pagano MAI e che puntualmente nessuno controlla; noi romani che viaggiamo tutti i gg. con mezzi obsoleti, sporchi, senza aria o senza possibilità di aprire i finestrini (sui nuovi mezzi sono chiusi - ); noi che rispettiamo le regole e PAGHIAMO L'ABBONAMENTO SEMPRE E COMUNQUE malgrado TUTTI I DISAGI subiti, siamo stanchi, incazzati e rabbiosi.....

Quindi caro Sindaco, cerca di PRETENDERE che questa città sia all'altezza della sua fama, della sua vecchia e antica gloria, che sia un vanto per noi romani, che possa essere di straordinaria bellezza non solo per gli stranieri MA ANCHE E SOPRATTUTTO per i residenti e fai in modo che con tutti gli introiti i che i turisti ci portano si riesca ALMENO UNA VOLTA A SISTEMARE LA CITTA' PER RENDERLA C.I.T.T.A.' V.I.V.I.B.I.L.E. per tutti ma soprattutto a misura di ROMANO ....abile e diversamente abile.

Grazie.

Angela - una cittadina romana......

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Che i trasporti pubblici siano a dir poco mal gestiti,e di conseguenza carenti sotto molti aspetti è vero e noto a tutti.Quel che però non condivido è la definizione in titolo,forse lei non ha mai viaggiato su mezzi pubblici in paesi come Cina India o centro Africa.. Mi sembra che noi italiani abbiamo abbracciato la cultura legata alla parola crisi,e che ormai per ogni minima cosa non facciamo altro che piangerci addosso e lamentarci sempre e comunque.Viaggio spesso sui mezzi atac e sia dentro i mezzi di trasporto così come nelle stazioni vedo il totale menefreghismo di tutti noi quando ad esempio qualcuno si intrufola senza biglietto,quando qualcuno poggia i piedi su un sedile vuoto antistante,quando qualcuno getta i rifiuti in terra...ecc ecc..dunque come possiamo pretendere che una azienda controlli l'intero territorio e parco mezzi se noi come cittadini non diamo il nostro contributo come cittadini?

    • Hai perferttamente ragione Shinder...il mio tìtolo era appunto "ironico" e sulla inciviltà e menefreghismo della gente aprirei un grande capitolo a parte......per quanto mi riguarda, come cittadina rispetto le regole, rispetto cio' che è "pubblico" cioè di tutti, ma non pretendo che l'azienda controlli l'intero territorio ma che almeno faccia rispettare le regole nell'ambito del suo "territorio" ossia sui mezzi e che provi o almeno tenti di rendere il servizio migliore........grazie per il tuo commento

      • Questo tuo commento,trova la mia piena condivisione di opinioni ed idee.Mi domando sempre perché il bene comune sia un diritto di tutti averlo,ma un dovere di pochi mantenerlo e "proteggerlo".

  • ...sono contenta per te...io per lavoro e lontananza ho usato l'auto per + di 20 anni....con tti i disagi che ne conseguivano. Ora da 4 anni cambiano zona (sempre per lavoro) uso solo i mezzi...e devo dire che il mio stress è aumentato in un certo qual modo....almeno con l'auto avevo la possibilità di cambiare strada, o almeno in ogni caso, anche nel traffico caotivo avevo il mio spazio vitale.! Credimi il mio sfogo non è un voler attirare l'attenzione su un problema minimo....ma è un REALE ed enorme disagio che vivono miglioni di persone che come me prendono uno o piu' mezzi tutti i gg. Ripeto...sei un fortunato e anche uno dei pochissimi che conosco o ch e sento che non si lamenta..... beato te......

    • Risoluzione ......cambia paese, qui tutto funziona così, è la realtà.

  • Prendo ogni giorno autobus e metro. A volte trovo più folla, a volte meno. Per il tragitto casa/lavoro lavoro/casa impiego più o meno sempre lo stesso tempo. A volte un quarto d'ora venti minuti in più... ma niente di chè. Nelle giornate particolari di scioperi o eventi straordinari i tempi effettivamente si dilatano. Sono comunque molto più contento così rispetto a quando usavo l'automobile. Molto meglio!!! In generale vorrei vivere in una cittadina piccola... il caos della grande città non fa per me. Ma per motivi personali son rimasto a Roma. Tante cose non mi vanno a genio... e anche sotto il punto di vista mezzi pubblici sono il primo a dire che abbiamo tanto da imparare rispetto ad altre grandi città europee, ma al tempo stesso non vedo quotidianamente neanche questa enorme tragedia che spesso vedo dipinta da servizi tv, giornali, siti vari. O anche semplicemente raccontata da altri che, come me, usano i mezzi pubblici tutti i giorni. Si può e si deve migliorare, lo speriamo tutti, io per primo!! Ma questo non è sinonimo di grandissime lamentele ed imprecazioni quotidiane.

Segnalazioni popolari

Torna su
RomaToday è in caricamento