← Tutte le segnalazioni

Altro

Quartiere Africano, ieri, oggi e domani

Via Alessandro Vessella · Africano

Nato e sviluppato progressivamente nel corso degli anni Cinquanta, il quartiere Africano deve la sua denominazione alla toponomastica, che riprende i nomi delle località diventate famose durante la Guerra d'Africa. Negli anni successivi al secondo conflitto mondiale, nacque viale Eritrea e si ebbe il compattamento dell'intera area, con un'edilizia mista, che mirava ad avere una certa estetica e allo stesso tempo una grande funzionalità. Anche se mancò la progettazione dei futuri parcheggi. Sorsero quindi vie molto larghe, una struttura viaria a rete, edifici luminosi, ma non ci fu alcuna pianificazione strutturale. Oggi il quartiere Africano può essere considerato una città nella città, perché la sua realtà è profondamente variegata. È infatti caratterizzato da residenze e appartamenti signorili, come quelle in via Asmara, palazzi popolari pubblici e privati, ad esempio quelli presenti in via Tripoli e piazza Amba Alagi, e attive arterie commerciali, rappresentate soprattutto da viale Libia e viale Somalia. Ma accanto al Mausoleo di Costanza, importante reperto archeologico della zona, ci sono anche molte scuole, istituti, sedi circoscrizionali, infrastrutture di varo tipo, locali commerciali, i capolinea di molti autobus e la stazione ferroviaria Nomentana, che collega molto bene il quartiere con le zone strategiche di Roma.

Villa Leopardi, da residenza signorile a biblioteca
Costituita da quattro grandi edifici, Villa Leopardi è situata tra via Nomentana, via Asmara, via Senafé e via Makallé. Tra gli stabili racchiusi all'interno, va naturalmente ricordato il Casino nobile in stile neogotico, il piccolo casale del Settecento, il garage scuderia e una costruzione realizzata in tempi più recenti, adibita a stalla. Il tutto è avvolto dalla lussureggiante vegetazione del piccolo parco. La Villa fu espropriata nel 1976 dal Comune dl Roma, che decise di attribuirla ai Vigili Urbani e al II Municipio. Dopo gli interventi di restauro e rifacimento della scuderia- garage voluta dalla Provincia, l'edificio venne adibito a biblioteca comunale, specializzata in Musica ed Ambiente, e centro Anziani. Il casino padronale si distingue dagli altri stabili non solo per le dimensioni più grandi, ma anche per la ricerca di particolari tipologie architettoniche. Il giardino è oggi popolato da lecci, pini e alloro, e anche da numerose erbe considerate invadenti, come gli ailanti, le brussanetia e le robinie, che nel passato avevano invece un certo pregio. Tutta l'area è protetta da una recinzione, realizzata nel 1989 per garantire la tutela del parco, ma le cancellate sono rimaste originali e rappresentano ancora oggi pregevoli esempi di lavorazione in ferro e ghisa.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Occorre ricordare anche la metropolitana e, tra le istituzioni, numerose rappresentanze diplomatiche.

Segnalazioni popolari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento