← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

Ostia Mon Amour e pedonalizzazione: ma che significano?

OSTIA MON AMOUR E PEDONALIZZAZIONE: ma che significano?

non c'e nulla di più ridicolo che conferire ad attività programmate denominazioni altosonanti e di effetto che, poi non hanno nè significato nè riscontro, il che è esattamente quanto si verifica a Ostia.

Cominciamo con il primo nome davvero romantico e avvolgente:" Ostia Mon Amour"; si tratta semplicemente di un elenco di eventi programmati che secondo i pianificatori doveva sollecitare turismo, sviluppo commerciale, impresa;

risultato? Le attività sono state condotte, fino ad ora, come da mediocre centro turistico e non era il caso di evocare l'"Amour" come elemento di attrazione.

Ma veniamo al secondo termine al quale "Ostia Mon Amour" strettamente si lega: la pedonalizzazione del lungomare, che costuituiva il fuoco scatenante delle attività tese a produrre turismo, sviluppo commerciale e impresa:

risultato? La pedonalizzazione è un fallimento e lo sviluppo ha interessato solo ed esclusivamente le attività di alcuni, mentre molti altri sono stati pesantemente penalizzati.

Senonchè sulla pedonalizzazione e i suoi effetti si sono espressi in molti; Associazione Balneari, Associazione Commercianti, politici, e altri;

io vorrei portare la voce dei cittadini che abitano ai contorni della fascia pedonalizzata in via Quinqueremi e dintorni che hanno visto il lungomare a loro adiacente invasi da chioschi di basso livello per gestione e cibi prodotti, una lunga schiera gabinetti chimici antiestetici e maleodoranti, presenza incontrollata di giostrai, disturbo serale della quiete e del sacrosanto diritto dei cittadini a godere di tranquillità.

Dice il Presidente Tassone:" la pedonalizzazione ha incrementato il libero passeggio dei cittadini sul lungomare";

ma quale lungomare se il mare non si vede da nessuna parte? E quale incremento dato che da piazzale Magellano a via del Bucintoro, non si è mai vista un'anima a passeggiare?

Vero è che su canale 10 sono apparsi alcuni a dichiarare: "che bello passeggiare per questa strada senza il traffico!", ma potrei anche osservare che una strada senza vista mare, e senza negozi si trova facilmente anche altrove.

Dice il Presidente Tassone: "la pedonalizzazione ha portato i cittadini nel cuore di Ostia, che nè il Pontile";

ma i Lidensi che normalmente frequentano il Pontile non sono variati di numero; dall'altra parte il traffico stradale di accesso ha subito tale ingorgo nelle aree laterali al lungomare da impedire a chiunque altro di avvicinarsi.

Dice il Presidente Tassone; ma ci sono le "navette".

Ma davvero il Presidente pensa che chi si voglia recare a Ostia da Roma, italiani o stranieri, per passeggiare al Pontile, rischi di sobbarcarsi all'iter di sosta nelle aree parcheggio (con "pizzo" ai parcheggiatori abusivi) e poi subire l'ansia del trasporto ATAC verso un luogo vicino al Pontile? E ritorno?

Dice il Presidente Tassone: "la pedonalizzazione ha riqualificato il territorio ripristinando aree verdi a costo zero per il Comune".

A questo punto il discorso si fa complesso dato che questa riqualificazione del verde è stata appaltata a gestori di chioschi che nulla fanno per assolvere l'impegno assunto.

Dovè questo verde rigenerato e queste aree riqualificate? Anche ammettendo che questo territorio prospicente via delle Quinqueremi e dintorni era in uno stato disagiato, adesso è peggiorato a dismisura; le zone più frequentate (davanti al "Capanno" e vicino al "Curvone") sono calpestate senza ritegno dalle tante persone che affollano detti chioschi, e quel poco di verde che resiste e le piccole porzioni lasciate libere, sono depredate da giostrai che senza controllo impiantano e rimuovono (per fuggire ai controlli) i loro squallidi impianti di divertimento.

Un discorso a parte merita il settore più marginale, da Piazza Sirio in poi, dove sono sorti 3 chioschi che, per posizione, sono i più negletti, nel senso che quel poco di traffico pedonale esistente, non li raggiunge.

E per allettare qualcuno, questi hanno installato delle piattaforme dove ogni sera si esibiscono complessi musicali, fino a tarda notte, con volumi illegali e inaccettabili per i residenti, con karaoke e canzonacce irripetibili. Il chiosco di piazza Sirio ha appaltato una vera orchestra ogni sera che inizia a suonare alle 23,30 e termina lo scempio sonoro che produce alle 2,30. E la polizia locale? non fa nulla nonostante sia chiamata ogni notte ad intervenire. E se risponde al telefono, dice di rivolgersi al Municipio!

Dice il Presidente Tassone : "io ho fatto per questo litorale molto di piu di quanto abbiano fatto le amministrazioni precedenti".

Signor Presidente, i risultati da lei conseguiti in tema di pedonalizazione sono così scarsi e maldestri che non riesco proprio ad immaginare il livello di efficienza dei suoi predecessori!

Due domande finali mi sorgono spontanee: si sta attuando una "occupazione" del litorale romano ? e a vantaggio di chi?

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento