← Tutte le segnalazioni

Altro

LETTORI - Omaggio a Gigi Proietti

Gentile redazione di "Roma Today", sono un vostro assiduo lettore. Di omaggi al Maestro Gigi Proietti in questi giorni ne ho letti tanti e, come tutti, sono rimasto molto colpito dalla sua scomparsa. Non so se è nei vostri piani, ma nel caso nei prossimi giorni aveste intenzione di aprire uno spazio con le parole e i messaggi dei romani e degli italiani per il Maestro, volevo inviarvi un componimento scritto da me, rigorosamente nella sua e nella nostra lingua, il nostro romanesco A Gigi Proietti

T’ho sentito da bambino, che eri un genio tutto blu poi t’ho visto in un teatro, co quarche ruga in più. Oggi, Mandrà, so ‘n tantino preoccupato: qua come famo, mo che te ne sei annato? Mo che er cavaliere s’è levato l’armatura, Roma è ‘n po’ più sola e stanotte ‘n po’ più scura e a st’Italia già acciaccata, j’hai dato n’artro dolore come si c’avesse ‘na pallottola ner core! Toto sta seduto nella sauna sconsolato e Pietro Ammicca nun vende più, dice che s’è ritirato… Er Maresciallo Rocca c’ha sempre l’occhi spenti, s’è stufato pure lui de corre appresso ai delinquenti! Però de ‘na cosa posso dì d’esse contento: che pure si ce lasci, ce rimane er tuo talento. Perché mo pure lassù c’avranno voja de ‘n soriso, in fondo lo capimo, si preferisci er Paradiso! Ma pure là, te chiederanno tutti ‘no scatto, ‘n “cheese” e sarà n’artro spettacolo: a te gli occhi, please - Gabriele Manganello Grazie per l'attenzione

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
RomaToday è in caricamento