La Tiber supera Fondi (85-70) e agguanta il primo posto in classifica

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

BASKET DNC Gold: La Tiber supera fondi (85-70) e clincia il primo posto in classifica. Nei play-off fattore campo a favore. PalaDonati 2 aprile. La TIBER stacca il biglietto della matematica certezza del primato assoluto in classifica, prima della fine del campionato. La squadra in bluarancio, avrà infatti il fattore campo a proprio vantaggio per tutta la durata della fase play-off. La partita con la Virtus Fondi, giocata ieri, crocevia non solo per la composizione della griglia della seconda fase, sarebbe servita a certificare (in caso di affermazione), l'autorevolezza del risultato ottenuto (secondo anno consecutivo, ndr) .

Non chiamiamolo esame di maturità, ma bensì, di una sorta d'investitura quanto mai di spessore, se ottenuta proprio per le grandi qualità dei pontini. L'aver superato la V. Fondi, in una momento dove sono cambiati gli equilibri ed i valori di alcune organizzazioni, è un metro utile e probante delle qualità del roster guidato da Coach Cilli. Già, perché partita dopo partita, ad affermarsi all'interno della gara, in una virtuale porta girevole di uno di quei resort esclusivi, entrano sempre nuovi protagonisti.

Questa volta è un ritrovato Bertoldo con i suoi 30 punti a spingere con le due ruote motrici la TIBER via dalle sabbie mobili avvistate in quel di Fondi. Un giocatore "non fa primavera", quindi ecco che da quella porta entrano anche Basili, (11pt), Ridolfi (10pt) e Padovani (8pt). Ma è quest'ultimo, forse più di altri, a travestirsi da killer silenzioso, sfoderando una prestazione difensiva super. Trentatrè (33) minuti in campo, con un eccellente 19 di valutazione che può sembrare già molto, ma che in realtà vale anche il doppio.

Dall'altra parte dell'oceano li chiamano "intangible" (intangibili), ovvero quelle piccole, grandi cose, che fai in campo, ma che non entrano nelle statistiche. Forzare l'errore dell'avversario, ma anche impedirgli una ricezione comoda e confortevole. Cortesie per gli ospiti, così d'impatto, tanto da gasare compagni e pubblico, "costringendolo" ad extra minuti di lavoro, prima del meritato riposo. Ed i nostri avversari? Beh certamente hanno mantenuto le aspettative della vigilia.

Gara caparbia, giocata a viso aperto. Fondi è una squadra solida e che è riuscita a tenere "botta" fino alla fine. Il margine di punti finale, può essere letto come un premio per i ragazzi di Cilli che hanno saputo scardinare la resistenza e le velleità di conquista altrui. Proprio per questo, la partita di ieri rappresenta una milestone importante, utile per lo staff a capire quanto valore ci sia nei 12 in bluarancio. Adesso si guarda oltre, perché liberi da pressioni, i turni che rimangono di campionato, saranno fondamentali per oliare alcuni meccanismi e rimettere dentro qualcuno che magari è ai box da tempo.

Comunque la vogliate leggere, la TIBER si presenterà ai play-off con tutta la ruvida genuinità di qualcuno che ha messo nel mirino un obiettivo ed è consapevole di poterlo raggiungere contro tutti. Sta agli altri trovare le eventuali contromosse per cambiare scenario. In bocca al lupo, ma da queste parti ce ne intendiamo … di lupi!

Ufficio Stampa US TIBER BASKET

Torna su
RomaToday è in caricamento